Lesioni ad un carabiniere e danneggiamento dell’auto, libero 30enne di Dinami

Contestato anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Arresto convalidato e fissata prima udienza del processo

Contestato anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Arresto convalidato e fissata prima udienza del processo

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Convalidato dal Tribunale monocratico di Vibo, presieduto dal giudice Chiara Sapia, l’arresto di Vincenzo Iogà, 30 anni, di Dinami, finito ieri ai domiciliari per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento. Era stato fermato dai carabinieri della Stazione di Soriano accanto ad una Bmw lungo la strada fra Ciano ed Ariola, frazioni di Gerocarne, ma alla richiesta di documenti si era scagliato contro uno dei carabinieri provocandogli ferite giudicate guaribili in cinque giorni e poi contro l’auto dei carabinieri rimasta danneggiata. Dopo la convalida il giudice, in accoglimento delle richieste difensive dell’avvocato Giuseppe Monteleone, il giudice non ravvisando esigenze cautelari ha mandato libero Iogà senza alcuna misura fissando l’inizio del processo per il 19 novembre prossimo. Il pm aveva chiesto il mantenimento degli arresti domiciliari.

Informazione pubblicitaria