Ladro sorpreso dai carabinieri nel Vibonese con accetta e piede di porco

Arrestato all’interno di un appartamento disabitato dopo la segnalazione di un cittadino che aveva avvertito dei forti rumori

Arrestato all’interno di un appartamento disabitato dopo la segnalazione di un cittadino che aveva avvertito dei forti rumori

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Stazione di Sant’Onofrio hanno tratto in arresto un 34enne già noto alle forze dell’ordine  appartenente alla comunità rom. Massimo Bevilacqua, del luogo, è stato sorpreso con ancora un piede di porco ed un’accetta fra le mani mentre girovagava all’interno di un appartamento disabitato – i cui proprietari risiedono in altra provincia – alla ricerca di qualcosa da rubare. L’equipaggio che ha effettuato l’arresto è stato inviato sul posto dalla centrale operativa del Comando provinciale carabinieri di Vibo Valentia che, a sua volta, aveva poco prima ricevuto la chiamata da un cittadino infastidito da forti – quanto anomali – rumori di mazza. L’operatore di centrale, mantenendo il continuo contatto con il cittadino, riusciva a coordinare le varie pattuglie intervenute in modo da bloccare le possibili vie di fuga. I carabinieri della Stazione di Sant’Onofrio hanno quindi cinturato l’area bloccando il ladro mentre al buio tentava di nascondersi tra i mobili dell’appartamento che aveva già iniziato a setacciare. Il sopralluogo effettuato dai militari dell’Arma ha permesso di ricostruire che i rumori sentiti dalla persona che ha dato l’allarme erano da ricondurre ai colpi di accetta sferrati alla porta blindata da parte del pregiudicato. Anche in questo caso, oltre al celere quanto professionale intervento dei Carabinieri, si è rivelata preziosa la chiamata effettuata al numero di emergenza “112”.

Informazione pubblicitaria