Salvato in mare, Arcona incontra in Questura a Vibo poliziotto e vigile del fuoco

Nelle scorse settimane con una toccante lettera aveva espresso la propria gratitudine nei confronti dei suoi due “angeli”

Nelle scorse settimane con una toccante lettera aveva espresso la propria gratitudine nei confronti dei suoi due “angeli”

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

E’ previsto per domani alle ore 18.00 in Questura a Vibo Valentia l’incontro tra Francesco Arcona, residente nella frazione Vena, l’assistente della polizia di Stato Pasquale Macrì, in forza alla Questura di Reggio Calabria ed il vigile del fuoco Giuseppe Mignolo, in servizio al Comando provinciale di Vibo Valentia. L’incontro nasce dalla volontà di Francesco Arcona di ringraziare il poliziotto ed il vigile del fuoco per avergli salvato la vita. Gratitudine già espressa con una lettera indirizzata, tra gli altri, anche al capo della polizia Gabrielli pubblicata dalla nostra testata (LEGGI QUI: Salvato in mare a Vibo Marina, Francesco Arcona ringrazia i suoi «due angeli»  ). Arcona, ultrasessantenne originario di Vibo Valentia, nella mattina del 5 agosto era andato al mare con la moglie; tuffatosi in acqua e allontanatosi dalla riva per inseguire un pallone, è stato colto da malore e si è ben presto reso conto di non avere le forze sufficienti per lottare contro la corrente e tornare indietro. In quei frangenti, l’assistente della polizia Pasquale Macrì, che si trovava in spiaggia libero dal servizio, ha intuito le difficoltà del bagnante e immediatamente si è tuffato, raggiungendolo a nuoto. Correndo il rischio di andare a fondo insieme al signor Arcona, il poliziotto è comunque riuscito a raggiungere la riva, ove si è poi prodigato insieme al vigile del fuoco, Giuseppe Mignolo, a porre in essere manovre di rianimazione fino all’arrivo dell’ambulanza. Il giorno successivo, al policlinico universitario di Germaneto, il signor Arcona è stato sottoposto a intervento coronarico per complicanze cardiache dovute all’accaduto. Dopo la convalescenza, con la sua lettera ha inteso ringraziare i suoi salvatori esprimendo il desiderio di incontrarli pubblicamente. L’incontro – iniziativa condivisa con la Questura di Reggio Calabria e con il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Vibo Valentia – rappresenterà l’occasione per il signor Arcona di partecipare i suoi sentimenti di stima e gratitudine direttamente all’assistente Macrì ed al vigile del fuoco Mignolo e, contemporaneamente, consentirà all’amministrazione di esprimere il più alto apprezzamento al dipendente della polizia di Stato ed a quello del corpo dei vigili del fuoco per il loro operato.  LEGGI ANCHE: Colto da malore in mare, 60enne vibonese salvato da poliziotto e vigile del fuoco fuori servizio

Informazione pubblicitaria

Salvato in mare a Vibo Marina, Francesco Arcona ringrazia i suoi «due angeli»