Frode nella riparazione degli automezzi dell’Asp di Vibo: prescrizione

A otto anni dai fatti, il Tribunale di Vibo Valentia emette sentenza di non luogo a procedere. Due gli imputati 

A otto anni dai fatti, il Tribunale di Vibo Valentia emette sentenza di non luogo a procedere. Due gli imputati 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Non luogo a procedere per intervenuta prescrizione dei reati. Questa la sentenza del Tribunale collegiale di Vibo Valentia (De Gregorio presidente, a latere Cantilena e Sapia) nei confronti di Franco Paolo Sorrenti, 46 anni, di Polia, e Antonio Comito, 53 anni, di Vibo Valentia (frazione Longobardi). Frode aggravata nelle pubbliche forniture il reato contestato in concorso ai due imputati nell’ambito della fornitura dei servizi di manutenzione e riparazione degli automezzi dell’Azienda sanitaria di Vibo Valentia. Sorrenti rispondeva quale titolare di un’autofficina a Monterosso aggiudicataria dell’appalto e Antonio Comito in qualità di responsabile del Parco macchine dell’Asp, quale addetto al controllo delle prestazioni effettuate che sarebbero state difformi rispetto agli obblighi contrattuali con una mancata rispondenza tra quanto realmente operato e quanto fatturato a carico dell’Asp in relazione agli autoveicoli. Altri capi di imputazione a carico di Sorrenti, in concorso con l’allora direttore generale dell’Asp di Vibo Francesco Talarico e con Giuseppe Caloiero (responsabile unico del procedimento), erano già finiti in prescrizione. Nei confronti dei tre la Procura di Vibo aveva ipotizzato i reati di abuso d’ufficio e omissione d’atti d’ufficio in relazione alla gara di aggiudicazione del Capitolato speciale di appalto per la manutenzione e riparazione degli automezzi di proprietà dell’Azienda sanitaria provinciale. Ne4i confronti di Talarico e Sorrenti, anche il reato di falso, ma anche questo già estinto per intervenuta prescrizione. Antonio Comito era difeso dall’avvocato Luigi La Scala, mentre Franco Paolo Sorrenti era difeso dall’avvocato Antonio Maio. Parte lesa nel processo era Antonio Stagno di Mileto, titolare di un’autofficina e che aveva presentato un’offerta per la gara d’appalto relativa alla riparazione degli automezzi dell’Asp. 

Informazione pubblicitaria