Auto rubate ritrovate in un garage di Tropea, 36enne arrestato e rimesso in libertà

L’uomo, un operaio pregiudicato del luogo, ha rivendicato la proprietà delle vetture in realtà appartenenti ad una società di autonoleggio 

L’uomo, un operaio pregiudicato del luogo, ha rivendicato la proprietà delle vetture in realtà appartenenti ad una società di autonoleggio 

Informazione pubblicitaria
Le auto rubate
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Stazione di Tropea, nel corso di un servizio volto a contrastare i furti di autovetture disposto dalla locale Compagnia, hanno controllato alcuni garage in via degli Orti. In uno di questi, di proprietà di una donna del posto, ma di fatto in uso a Filippo Saragò, 36 anni, operaio del posto già noto alle forze dell’ordine, sono state rinvenute due auto, una Fiat Panda ed una Fiat Punto, di proprietà di una nota società di noleggio diffusa in tutta Italia e oggetto nei giorni scorsi di furto. Al termine delle operazioni, in cui il Saragò rivendicava come sue le due auto rubate e palesemente forzate, l’uomo è stato dichiarato in arresto e posto ai domiciliari su disposizione dell’autorità giudiziaria, mentre le due vetture sono state restituite alla filiale locale della società di autonoleggio. All’esito dell’udienza di convalida, il giudice del Tribunale di Vibo, Marina Russo, non ha tuttavia convalidato l’arresto di Saragò per mancanza della flagranza del reato, sola circostanza che poteva giustificare il fermo. Al 36enne viene così contestato il solo reato di ricettazione. Rimessione quindi in libertà e restituzione degli atti alla Procura per procedere a piede libero. L’uomo è difeso dall’avvocato Sandro D`Agostino. 

Informazione pubblicitaria