Scommesse abusive in una sala giochi, denunce e sequestri a Vibo

La divisione Pasi della Questura ha deferito tre persone e messo i sigilli ad un computer e due stampanti utilizzate nell’attività illecita

La divisione Pasi della Questura ha deferito tre persone e messo i sigilli ad un computer e due stampanti utilizzate nell’attività illecita

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Pugno duro contro la raccolta clandestina di scommesse a Vibo. Personale della Divisione di Polizia amministrativa, sociale e dell’immigrazione (Pasi) della Questura, che ha operato insieme a dipendenti dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli di Stato di Catanzaro, ha svolto un controllo in una sala giochi in via Spogliatore, nel corso di un’attività di contrasto alla raccolta abusiva di scommesse. Durante la verifica è stato accertato che all’interno del locale veniva esercitata l’attività di raccolta abusiva delle scommesse, in assenza del necessario titolo di Polizia e in aperta violazione delle normative vigenti. Pertanto il personale intervenuto ha deferito all’autorità giudiziaria F. D., 57 anni, C. M. V., 29 anni, con precedenti specifici, e C. M., 60 anni, pregiudicato. Ritenuto, inoltre, che la disponibilità delle attrezzature informatiche installate nel locale potesse aggravare o protrarre le conseguenze del reato, e tenuto conto anche dei precedenti penali e di polizia gravanti sul conto dei denunciati, sono stati sottoposti a sequestro penale preventivo 3 computer e 2 stampanti utilizzate per portare a termine l’attività illecita. 

Informazione pubblicitaria