Topi nei locali del Liceo Classico a Vibo e città sporca, protesta degli studenti

Al corteo si sono uniti i ragazzi dell’istituto Industriale. Rassicurazioni dalla Provincia e dagli uffici dell’Asl

Al corteo si sono uniti i ragazzi dell’istituto Industriale. Rassicurazioni dalla Provincia e dagli uffici dell’Asl

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Questa mattina gli studenti del Liceo Classico “Michele Morelli” si sono riuniti per manifestare, ancora una volta, non solo contro quelle che definiscono come “le pessime condizioni dell’edificio scolastico”, ma anche delle zone che lo circondano. Nei giorni scorsi, infatti, la presenza di topi nell’istituto, che ha innestato preoccupazione e sdegno tra gli studenti e il personale scolastico, ha messo in evidenza un problema di interesse pubblico: le scarsa cura delle condizioni igienico-sanitarie della nostra città e lo scarso interesse per la sicurezza nei vari edifici pubblici. La protesta è stata accolta anche da una delegazione di studenti dell’istituto industriale che ha deciso di unirsi alla manifestazione una volta che il corteo, accompagnato dalle forze dell’ordine, ha raggiunto piazza municipio. Lì si è tenuto un incontro con il sindaco di Vibo, Elio Costa, che ha deciso di scendere tra gli studenti manifestanti per dimostrare il suo appoggio alla causa. In seguito gli studenti si sono avviati verso il palazzo della Provincia, mentre il rappresentante della consulta del Liceo Classico si è recato negli uffici dell’Asl per chiedere di agire tempestivamente sulla zona archeologica confinante con il Liceo, principale causa della continua presenza di topi nella struttura. “Più sicura la struttura” è il coro che per tutta la manifestazione ha accompagnato il corteo fino alla Provincia, che ha accolto le richieste degli studenti, assicurando l’inizio di adeguati interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici nei prossimi mesi. Studenti e personale scolastico si augurano che tali richieste non rimangano inascoltate e siano il primo passo verso una realtà cittadina più vivibile e sicura.

Informazione pubblicitaria