Omicidio di Filippo Ceravolo, Soriano non dimentica e chiede giustizia

Giovedì la giornata in ricordo del 19enne vittima innocente della barbarie mafiosa. Un delitto ad oggi impunito

Giovedì la giornata in ricordo del 19enne vittima innocente della barbarie mafiosa. Un delitto ad oggi impunito

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si terrà giovedì 25 ottobre a Soriano Calabro la giornata in ricordo di Filippo Ceravolo, il giovane di soli diciannove anni brutalmente ucciso da innocente dalla criminalità organizzata. E’ quanto comunica in una nota il coordinamento dell’associazione antimafia Libera di Vibo Valentia. “Era la sera del 25 ottobre del 2012 quando Filippo chiese un passaggio ad un compaesano per poter tornare a casa. Il giorno dopo si sarebbe dovuto svegliare presto per aiutare il papà al mercato, come faceva sempre. Filippo era un gran bravo ragazzo, voluto bene da tutti, amante del calcio e gran lavoratore, orgoglio di mamma e papà. A pochi chilometri di distanza, però, in una zona che si chiama Calvario, i suoi sogni e il suo futuro sono stati stracciati via da qualcuno che stava aspettando proprio quell’auto e che appena l’ha vista passare ha iniziato a sparare con un fucile caricato a pallettoni. Il vero obbiettivo dei killer era Domenico Tassone, proprietario dell’automobile, ma è stato Filippo a cadere da innocente, in quella guerra tra clan che da anni insanguina il Vibonese”. L’agonia di Filippo è durata poche ore, si è spento nella notte insieme a tutti i suoi sogni di giovane uomo, tra lo strazio della famiglia e degli amici.  A sei anni dalla morte, Soriano – il paese natio del giovane – e tutta la provincia  vogliono ricordarlo stringendosi in un grande abbraccio intorno ai familiari di Filippo, unendosi all’estenuante battaglia di richiesta di verità e giustizia che ancora gli sono negate, per riaffermare i valori della vita e dell’amore che la ‘ndrangheta vorrebbe distruggere ma che continuano a brillare anche dopo la morte, “per riscoprirci tutti e insieme – ricorda Libera – portatori di una memoria viva e scomoda. Ma soprattutto per gridare che i sogni e le speranze di Filippo continuano a vivere attraverso tutti coloro che lo ricordano”. Alle ore 17:30 si terrà la santa messa nella chiesa di San Martino a Soriano. Al momento di raccoglimento e preghiera seguirà la presentazione del libro “Filippo, il richiamo dal silenzio” nella sede della Biblioteca calabrese di Soriano. Un libro che non solo fa memoria, ma che vuole richiamare l’attenzione su un caso ancora in attesa di verità e giustizia. Come affermato più volte da don Luigi Ciotti, presidente di Libera, “L’amore è la realtà vivente di ognuno di noi” ed è proprio “l’amore dei suoi familiari – conclude Libera – e l’impegno di  tutti noi che camminiamo insieme a loro facendo nostra la loro battaglia, a mantenere Filippo accanto ad ognuno di noi”. 

Informazione pubblicitaria