martedì,Settembre 21 2021

Spaccio di cocaina nel Vibonese, chiesti due rinvii a giudizio

Il pm Filomena Aliberti avanza al gup la richiesta di processo per due degli indagati dell’operazione “Genio”

Spaccio di cocaina nel Vibonese, chiesti due rinvii a giudizio

Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Questa l’accusa per la quale il pm della Procura di Vibo Valentia, Filomena Aliberti, ha chiesto al gup il rinvio a giudizio nei confronti di Gaetano Zupo, 34 anni, di San Giovanni di Mileto, e di Rocco Caputo, 31 anni, di Capistrano, coinvolti nell’operazione antidroga denominata “Genio” condotta dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Serra San Bruno. In particolare, Gaetano Zupo è accusato di quattro cessioni di cocaina avvenute a Mileto nel gennaio e nel febbraio dello scorso anno. Rocco Caputo, invece, è accusato dio aver ceduto cocaina ad un consumatore nel febbraio dello scorso anno. Il gup ha fissato l’udienza preliminare per il 10 gennaio prossimo. Gaetano Zupo è difeso dall’avvocato Francesco Muzzopappa, mentre Rocco Caputo è assistito dall’avvocato Francesco Sabatino. Gaetano Zupo è fratello di Antonino Zupo, ucciso in contrada Comunella di Gerocarne negli scorsi anni e ritenuto molto legato al boss Bruno Emanuele.   LEGGI ANCHE: Droga nel Vibonese: operazione “Genio”, conclusi gli interrogatori degli arrestati

 

top