Narcotraffico: “Stammer 2”, Tdl esclude un’aggravante per Burzì

Decisione del Riesame dopo un annullamento con rinvio ad opera della Cassazione su contestazioni in concorso con Domenico Mancuso

Decisione del Riesame dopo un annullamento con rinvio ad opera della Cassazione su contestazioni in concorso con Domenico Mancuso

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, pronunciandosi dopo un rinvio ad opera della Cassazione, ha annullato l’aggravante dell’ingente quantità di sostanza stupefacente nel reato di detenzione di droga ai fini di spaccio contestato a Cristian Burzì, 35 anni, originario di Cinquefrondi e residente in provincia di Bergamo, coinvolto nell’operazione denominata “Stammer 2” contro il narcotraffico gestito dai clan del Vibonese. In particolare, Cristian Burzì (difeso dagli avvocati Guido Contestabile, Francesco Mazzaferro e Francesco Schimio) è accusato in concorso con Domenico Mancuso, 43 anni, di Limbadi (figlio del boss Giuseppe cl. ’49) e di aver acquistato e venduto marijuana attraverso contatti di rifornimento olandesi nelle conoscenze di Mancuso. 

Informazione pubblicitaria