Spaccio di droga nel Vibonese: assolto 24enne di Zambrone

Primo verdetto per l’operazione “Roba di famiglia” scattata nell’aprile scorso per far luce sulle cessioni di stupefacente in provincia

Primo verdetto per l’operazione “Roba di famiglia” scattata nell’aprile scorso per far luce sulle cessioni di stupefacente in provincia

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si è concluso con l’assoluzione il processo celebrato con rito abbreviato che vedeva imputato Antonino Giannini, 24 anni, di Zambrone, difeso dall’avvocato Michelangelo Miceli. A fronte di una richiesta di condanna ad un anno e sei mesi, il gup del Tribunale di Vibo Valentia, Pia Sordetti, ha assolto l’imputato, accusato di aver ricevuto nel marzo del 2017 da Andrea Caglioti della cocaina per un quantitativo pari a 70 euro. Si tratta del primo verdetto relativo all’operazione denominata “Roba di famiglia” scattata nell’aprile scorso ad opera dei carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia con il coordinamento della Procura. Giannini è stato l’unico imputato ad aver optato per un processo con rito abbreviato e quindi allo stato degli atti. Altri 13 imputati, il 2 ottobre scorso sono stati invece rinviati a giudizio dinanzi al Tribunale di Vibo Valentia.  LEGGI ANCHE: Spaccio di droga nel Vibonese: in 13 rinviati a giudizio

Informazione pubblicitaria