Sparatorie a Nicotera e Limbadi, Francesco Olivieri a giudizio immediato

Il 31enne che nel maggio scorso ha ucciso due persone ferendone altre tre comparirà davanti alla Corte d’Assise di Catanzaro il prossimo 19 febbraio 

Il 31enne che nel maggio scorso ha ucciso due persone ferendone altre tre comparirà davanti alla Corte d’Assise di Catanzaro il prossimo 19 febbraio 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Giudizio immediato per Francesco “Ciko” Olivieri, il 32enneche nel maggio scorso ha ucciso due persone e ne ha ferite altre tre tra Nicotera e Limbadi. Il gip di Vibo Valentia, infatti, ha accolto la richiesta del pubblico ministero Concettina Iannazzo per evidenza della prova, fissando la prima udienza, davanti alla Corte d’Assise di Catanzaro, al 19 febbraio 2019. A pesare sulla decisione, oltre alle indagini dei carabinieri – che hanno fatto luce su quanto avvenuto tra Limbadi e Nicotera l’11 maggio scorso – anche le dichiarazioni rese dall’indagato che ha ammesso di essere l’autore degli omicidi di Giuseppina Mollese e Michele Valarioti, avvenuti nelle rispettive abitazioni a Nicotera, mentre altre tre persone sono riuscite a scampare alla morte nel corso della sparatoria avvenuta in un bar di Limbadi pochi minuti prima del duplice omicidio. Un’azione di morte che Olivieri non è riuscito a completare per l’intervento dei carabinieri: sulla sua lista c’erano infatti almeno altre tre persone. Francesco Olivieri è assistito dall’avvocato Francesco Capria.     LEGGI ANCHESparatorie di Nicotera e Limbadi, Olivieri si è consegnato

Informazione pubblicitaria

Sparatorie a Nicotera e Limbadi, il pm: «Olivieri ha messo in atto raid punitivo»

Narcotraffico: arrestato pure Francesco Olivieri, autore delle sparatorie a Limbadi e Nicotera