Mileto: scuole senza palestre, la richiesta di Città futura

L’associazione socio-politica rivolge un appello ai commissari che reggono le sorti del Comune

L’associazione socio-politica rivolge un appello ai commissari che reggono le sorti del Comune

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Scuole di Mileto senza palestre e pubblica richiesta dell’associazione socio-politica “Città futura”, rivolta alla gestione commissariale del Comune, al fine di presentare una scheda per il recupero della palestra dell’Istituto comprensivo “Giuseppe Morabito”. “Gli studenti – afferma in una nota la guida del gruppo Salvatore Giordano, rivolto al commissario prefettizio Sergio Raimondo  e al sub commissario Giovanni Gigliotti – non possono rimanere senza questo fondamentale strumento educativo. L’attività fisica è inserita nelle ore curriculari per evidenti ragioni. Mens sana in corpore sano, dicevano i nostri avi. Al momento le scuole di Mileto non hanno una palestra funzionale, ci sono vari problemi di manutenzione non eseguita. La palestra dell’Ic situata nel plesso della scuola primaria Morabito, in particolare, necessita di interventi risolutivi”. “Città futura” al riguardo prende ad esempio il recente finanziamento a fondo perduto ottenuto dal Coni per la ristrutturazione del Palatenda della frazione Paravati. Soldi provenienti dal rifinanziamento, a cura del Governo, del fondo della Presidenza del Consiglio dei Ministri “Sport e Periferie”, “istituito per realizzare interventi edilizi per l’impiantistica sportiva, volti al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti”. Lo stesso, nello specifico, individua come finalità “il potenziamento dell’agonismo, lo sviluppo della relativa cultura, la rimozione degli squilibri economico-sociali e l’incremento della sicurezza urbana”. L’intervento di “Città futura”, riguardo alla mancanza di palestre nella cittadina normanna e nel resto del territorio comunale, si conclude ricordando che quest’anno il relativo bando scadrà il prossimo 17 dicembre.

Informazione pubblicitaria