Duplice omicidio a Davoli, uccisi un 43enne di Simbario e la sua compagna

Il grave fatto di sangue si è consumato nel pomeriggio nella tabaccheria di proprietà della donna. L’uomo aveva provato a sfuggire all’agguato ma non ce l’ha fatta

Il grave fatto di sangue si è consumato nel pomeriggio nella tabaccheria di proprietà della donna. L’uomo aveva provato a sfuggire all’agguato ma non ce l’ha fatta

Informazione pubblicitaria
La scena del duplice omicidio
Informazione pubblicitaria

Due persone, un uomo e la sua compagna, sono state uccise oggi pomeriggio in un agguato messo a segno in una tabaccheria a Davoli Superiore, nel Catanzarese. Si tratta di Rocco Bava, 43 anni, residente a Simbario, titolare di un autolavaggio, e di Francesca Petrolini, 53 anni. Secondo le prime notizie i due si trovavano nella tabaccheria, di proprietà della donna, quando sono stati raggiunti da alcuni colpi di pistola esplosi da un ignoto killer. La donna è morta sul colpo mentre l’uomo, in un primo momento ferito in alcune parti del corpo, ha tentato la fuga ma è stato raggiunto ed ucciso all’esterno dell’esercizio commerciale. Sul posto, per le indagini, sono a lavoro i carabinieri della Compagnia di Soverato e quelli del Comando provinciale di Catanzaro. Tra le prime ipotesi investifative si fa avanti la pista passionale. La donna avrebbe infatti ricevuto delle minacce da parte dell’ex compagno da quando aveva intrapreso la relazione con Bava, separato e senza figli, alcuni mesi fa. Gli inquirenti, tuttavia, non escludono alcuna ipotesi. A sparare, stando ai primi rilievi effettuati dalla Scientifica, sarebbero state due armi: un fucile e una pistola che, sempre stando alle prime ipotesi investigative, sarebbero state utilizzate dalla medesima persona. La ricostruzione del cruento fatto di sangue avvenuto nella tabaccheria di Davoli Superiore, al cui interno al momento della sparatoria si trovava solo la coppia uccisa, è resa più complessa dall’assenza di un impianto di videosorveglianza.  

Informazione pubblicitaria