Suicidio assistito del giudice D’Amico, chiesta l’archiviazione per i medici

A parere del sostituto procuratore della Repubblica di Pesaro il 62enne di Piscopio avrebbe falsificato i certificati per farsi diagnosticare una malattia degenerativa. La figlia si oppone

A parere del sostituto procuratore della Repubblica di Pesaro il 62enne di Piscopio avrebbe falsificato i certificati per farsi diagnosticare una malattia degenerativa. La figlia si oppone

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Non è possibile individuare l’elemento soggettivo del reato di suicidio assistito nella condotta dei due medici». Il sostituto procuratore della Repubblica di Pesaro, Giovanni Fabrizio Narbone, ha chiesto l’archiviazione del fascicolo a carico dei medici Antonio Lamorgese e Elisabetta Pontiggia, indagati per omicidio colposo in relazione al suicidio assistito del magistrato Pietro D’Amico di Piscopio, avvenuto in una clinica di Basilea l’11 aprile del 2013. A darne notizia Il resto del Carlino. A parere del magistrato è stato lo stesso D’Amico ad indurre in errore i sanitari, falsificando i certificati medici per attestare una malattia degenerativa che ne giustificasse la richiesta di suicidio assistito in Svizzera. Contro la richiesta di archiviazione, si è opposta la figlia del magistrato.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHESuicidio assistito del giudice D’Amico, due medici sotto inchiesta a Pesaro

Il giudice Pietro D’Amico falsificò il certificato medico per ottenere il suicidio assistito

Il suicidio del giudice D’Amico in Tv, la moglie accusa: «Dignità calpestata»