Armi e droga, condanna per 39enne di Filadelfia

 

La Cassazione conferma la pena patteggiata dall’imputato dinanzi al gip di Lamezia Terme

 

La Cassazione conferma la pena patteggiata dall’imputato dinanzi al gip di Lamezia Terme

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Confermata dalla Cassazione la condanna a 4 anni di reclusione e seimila euro di multa decisa il 26 giugno scorso dal gip di Lamezia Terme nei confronti di Pasquale Rondinelli, 39 anni, di Filadelfia. Detenzione illegale di armi e marijuana, oltre che ricettazione, i reati per i quali è intervenuta la condanna (unificati dal vincolo della continuazione) a seguito di patteggiamento. Quale pena accessoria è stata decisa l’interdizione per cinque anni dai pubblici uffici. Per i giudici il ricorso di Rondinelli risulta inammissibile perché contro una sentenza di patteggiamento si può ricorrere solo per il vizio del consenso dell’imputato o per difetto di correlazione tra la richiesta e la sentenza. Da qui l’inammissibilità del ricorso e la conferma della condanna. Armi e droga erano state trovate dalla guardia di finanza nel novembre del 2017. 

Informazione pubblicitaria