Si schianta ubriaco a Longobardi, denunciato dai carabinieri

Un giovane è stato trovato dai militari dell’Arma della Stazione di Vibo Marina con un tasso alcolico doppio rispetto al massimo consentito. Vivo per miracolo

Un giovane è stato trovato dai militari dell’Arma della Stazione di Vibo Marina con un tasso alcolico doppio rispetto al massimo consentito. Vivo per miracolo

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Stazione di Vibo Marina sono tornati nuovamente ad intervenire nella frazione Longobardi, già in più occasioni teatro di incidenti stradali determinati dalle distrazioni e dalla non curanza delle norme del codice della strada da parte di molti utenti. Il copione si è ripetuto e soltanto per un caso fortuito non si è trasformato in qualcosa di più grave. Un giovane della zona, F. R., 34 anni, si è infatti schiantato contro il muro di protezione della strada statale 18 all’altezza del bivio di Longobardi rimanendo fortunatamente illeso. Da subito però quello appariva come un sinistro determinato dalla forte velocità del ragazzo non ha convinto i carabinieri della Stazione che hanno deciso di approfondire gli accertamenti in ospedale. Qui la sorpresa: il giovane – miracolosamente illeso – aveva un tasso alcolemico nel sangue pari a 2.85 mg/l equivalente a quasi il doppio del limite massimo vietato (che è 1,5 mg/l). La legge, vieta la guida dei veicoli su strada con un quantitativo di alcol nel sangue pari/superiore a 0.5 mg/l nel massimo prevedendo sanzioni particolarmente aspre quando si supera il limite massimo vietato di 1,5. Il giovane, smaltita la sbornia, è stato accompagnato nei locali della Stazione carabinieri di Vibo Marina dove è stato denunciato alla Procura di Vibo per guida in stato di ebrezza. La patente di guida gli è stata ritirata e il 34enne rischia la sospensione fino ad un anno. 

Informazione pubblicitaria