Rapina al supermercato di Mileto nel 2017, ecco gli autori

L’operazione “Robberies” della Procura di Palmi e dei poliziotti del commissariato di Polistena ricostruisce tutte le fasi del colpo. Prezioso anche il lavoro dei carabinieri

L’operazione “Robberies” della Procura di Palmi e dei poliziotti del commissariato di Polistena ricostruisce tutte le fasi del colpo. Prezioso anche il lavoro dei carabinieri

Informazione pubblicitaria

Fa luce anche sulla rapina commessa a Mileto il 28 gennaio del 2017, l’operazione “Robberies” della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di Polistena, con il coordinamento della Procura di Palmi. Ecco quelli che il gip indica come gli autori: Vincenzo Lazzaro, 22 anni, di Rosarno, arrestato, il quale avrebbe agito in concorso con Antonino Zappavigna e Pasquale Oppedisano, pure loro di Rosarno e all’epoca minorenni (per i quali si procede qundi separatamente). Secondo la ricostruzione della polizia, Vincenzo Lazzaro e i suoi presunti complici sarebbero arrivati a Mileto alle ore 19.35 a bordo di una Fiat Punto in uso ad Antonino Zappavigna e avrebbero fatto irruzione insieme a Pasquale Oppedisano, con il volto travisato da passamontagna, all’interno del supermercato. Entrambi avrebbero poi minacciato con una pistola il personale presente alle casse del supermercato di Mileto, così da impossessarsi di tutto il contante presente, ammontante a 1.500 euro. Il supermercato Cooper di via Ugo La Malfa appartiene ad Antonino Di Nardo. La prima identificazione di Vincenzo Lazzaro l’avevano fatta i carabinieri della Stazione di Mileto attraverso la visione delle immagini del sistema di videosorveglianza. La successiva analisi congiunta degli elementi probatori presenti nel fascicolo iscritto dalla Procura di Vibo, poi acquisiti dalla Procura di Palmi, ha finito per confermare tale originaria ipotesi investigativa circa il diretto coinvolgimento nella rapina sia dell’indagato Vincenzo Lazzaro, che di Pasquale Oppedisano, corrispondenti anche alle descrizioni fornite dai dipendenti delle casse del supermercato di Mileto. All’interno della Fiat Punto usata dai rapinatori per recarsi a Mileto – rintracciata dai carabinieri alle ore 20.00 del 28 gennaio 2017e sottoposta a perquisizione – è stata trovata la patente di guida intestata a Vincenzo Lazzaro (in foto). Fondamentali per le indagini anche le analisi dei tabulati telefonici effettuata dai carabinieri di Mileto che sono andate ad incrociarsi con un’autonoma attività investigativa svolta dai poliziotti del Commissariato di Polistena che hanno potuto verificare come l’utenza telefonica in uso a Pasquale Oppedisano alle ore 19.40 abbia agganciato la cella telefonica di località Pantalemato del comune di San Calogero, distanti pochi chilometri a sud di Mileto in direzione Rosarno. L’aggancio della predetta cella telefonica da parte di Oppedisano, per la polizia è perfettamente compatibile con la fuga post rapina dal supermercato Cooper di via Ugo La Malfa a Mileto, cominciata alle ore 19.36. Vincenzo Lazzaro in carcere avrebbe poi fatto emergere elementi autoindizianti in relazione a tale rapina parlando durante i colloqui carcerari con la propria nonna che era andato a trovarlo, mostrandosi per nulla sorpreso dei sospetti avanzati dagli inquirenti nei suoi confronti, “assumendo un atteggiamento di sfida – scrive il gip Barbara Borelli – e ilarità rispetto agli elementi indiziari”.