Carìa in festa per i cento anni di zia Rosaria Mollo – Video

Oltre 50 tra nipoti e pronipoti, una vita fatta di lavoro, affetti e un bicchiere di vino al giorno: ecco i segreti nella neo-centenaria che «si sente ancora una ragazzina»

Oltre 50 tra nipoti e pronipoti, una vita fatta di lavoro, affetti e un bicchiere di vino al giorno: ecco i segreti nella neo-centenaria che «si sente ancora una ragazzina»

Informazione pubblicitaria
Zia Rosaria attorniata dai suoi familiari
Informazione pubblicitaria

L’invidiabile traguardo del secolo di vita. È quello raggiunto da Rosaria Mollo, per tutti “zia Rusaria”, simpatica vecchina di Carìa di Drapia, festeggiata nei giorni scorsi dall’intera comunità e attorniata dai suoi numerosi nipoti e pronipoti. Se ne contano almeno 50 che, nonostante Rosaria non si sia mai sposata, la considerano come una vera e propria nonna. Di certo un punto di riferimento e un esempio che con la sua semplicità, il suo sorriso che dispensa sempre volentieri, si è sempre fatta ben volere ed apprezzare da tutti. E la festa che parenti e amici hanno voluto organizzarle per festeggiare l’importante traguardo di vita è divenuta, per la stessa zia Rosaria, una giornata indimenticabile. Lei, del resto e comprensibilmente, aspettava da tempo questo particolare compleanno, come ha ricordato tra l’altro il parroco don Antonio Preiti nella celebrazione dedicata alla neo centenaria. A renderle omaggio anche il sindaco di Drapia Antonio Vita che, a nome dell’amministrazione comunale, le ha donato una targa ricordo sottolineando come in paese si sia recentemente festeggiato un altro centenario appena tre mesi prima.

Informazione pubblicitaria

Nata nel 1919, zia Rosaria, ultima figlia di una famiglia composta da 6 sorelle e un fratello, si è sempre sentita la più piccola del gruppo. «E lo è tuttora – raccontano divertiti i nipoti -, nonostante la sua età sia ormai composta da tre cifre. Ha una curiosità incredibile, come una bambina – aggiungono -. Vuol vedere con i suoi occhi tutto quello che succede e commenta ogni cosa. Ha sempre desiderato vedere i suoi nipoti crescere, sposarsi e conoscere i nuovi nipotini. Ad ogni compleanno noi nipoti speravamo che non fosse l’ultimo e il tanto atteso centesimo compleanno è finalmente arrivato». La longevità, peraltro, non è una caratteristica della sola Rosaria nella sua famiglia. Un’altra sorella, Rosa, è vissuta fino all’età di 97 anni. «Questo – assicurano ora i nipoti – grazie ad una vita fatta di sana alimentazione, affetto puro, un bicchiere di vino al giorno e soprattutto tanta fatica ma zero stress».