Carattere

Era stato vittima di una grave intimidazione: ferito a colpi di pistola mentre, al termine di una giornata di lavoro, stava chiudendo la sua attività commerciale

La consegna della targa
Cronaca

Piegato ma non spezzato. L’imprenditore Maurizio Mazzotta, ferito a colpi di arma da fuoco mentre stava chiudendo il suo negozio a Vibo Valentia, aveva dimostrato fin da subito spirito combattivo. Nessun tentennamento, solo la volontà di continuare a lavorare. Per il suo esempio, la Pro loco di Vibo Valentia, rappresentata da Luigi Saeli, e l’Azienda di promozione e ricerca turistica Calabria hanno inteso attribuirgli il “Premio Coraggio”. L’iniziativa, come precisato dalla Pro loco, vuole testimoniare la vicinanza agli imprenditori e ai piccoli commercianti che, nonostante le intimidazioni e violenze, proseguono nel loro impegno: «Nel lungo dialogo avuto con il dottor Mazzotta – commenta il responsabile della Pro loco - abbiamo apprezzato la tenacia e la volontà di proseguire il percorso di sviluppo della sua azienda e la speranza di un cambiamento, di una nuova era per il bene della città». La speranza è quella di contribuire a realizzare un futuro migliore: «“Non mi arrendo. Lo faccio per la mia famiglia, per i miei dipendenti e le loro famiglie”. Questo - continua Saeli - ha ribadito più volte l’imprenditore e noi non possiamo che essere grati per le sue parole e la sua forza, segno tangibile dell’esistenza di una parte di società ancorata a sani principi morali». Alla consegna del riconoscimento presenti anche i consiglieri Angela Montagnese e Raffaele Carullo.

LEGGI ANCHEVoci libere contro il racket, parla Mazzotta: «Dobbiamo reagire e non cedere ai ricatti» - Video

Lacnews24.it
X

In evidenza

Seguici su Facebook