Carattere

Le storie di Filippo Ceravolo, Francesco Prestia Lamberti, Stefano Piperno e Francesco Vangeli, vittime della violenza e della prevaricazione mafiosa raccolte da Libera nell’iniziativa “L’amore oltre l’oblio”

L'iniziativa di Libera Vibo
Cronaca

«Anna, Marzia, Luigia ed Elsa. Quattro madri distrutte terribilmente il giorno in cui hanno ucciso brutalmente i loro figli, quel giorno maledetto in cui la ‘ndrangheta è entrata nelle loro vite con prepotenza e fragore. Quattro madri piegate dal dolore ma che non hanno mai abbassato la testa, quattro madri che lottano con forza e veemenza per ottenere verità e giustizia per i loro figli. Madri coraggio che ci raccontano la storia di una terra dura e ci insegnano come dal quel lutto, sia piano piano germogliata speranza di un tempo nuovo e rivendicazione di una terra libera». Sono le storie di ordinario coraggio della madri chiamate a raccolta da Libera Vibo, con l’iniziativa “L’amore oltre l’oblio. Storie di madri contro la ‘ndrangheta” un momento di riflessione e di cura della memoria delle giovani vittime del territorio vibonese, vittime innocenti della cultura della violenza densa di mafiosità. Madri che, ha spiegato Libera nel corso dell’iniziativa, «lottano per i propri figli, ma non solo. Lottano per i figli delle altre madri affinché non ci siano più storie come queste, affinché i giovani possano sentirsi liberi di amare, di vivere i propri luoghi e la propria vita, di vivere le proprie fragilità senza che qualcuno decida per loro e ne decreti la morte. Una terra quella del Vibonese, raccontata al femminile con la forza e la ribellione di chi non si arrende. Che sia monito per le nostre coscienze, perché quando anche uno solo sia privato del diritto più importante che è quello alla vita, vuol dire che tutti gli altri non sono stati abbastanza vigili da difenderlo. Grazie alle mamme e ai papà di Filippo Ceravolo, Francesco Prestia Lamberti, Stefano Piperno e Francesco Vangeli. Grazie perché sono loro che ridanno dignità a questa terra e a questo tempo».

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook