Non solo immigrazione, i prefetti calabresi si confrontano a Vibo su tutte le emergenze – Video

Dai potenziali rischi di eventi naturali come terremoti e maremoti agli incendi, passando per i Piani di protezione civile. Ecco gli argomenti affrontati

Dai potenziali rischi di eventi naturali come terremoti e maremoti agli incendi, passando per i Piani di protezione civile. Ecco gli argomenti affrontati

Informazione pubblicitaria
Il tavolo in Prefettura a Vibo
Informazione pubblicitaria

Immigrazione e non solo. È stato un vertice con tanti argomenti all’ordine del giorno, quello tenutosi ieri a Vibo Valentia tra i rappresentanti delle cinque Prefetture calabresi. A fare gli onori di casa il capo del locale Utg Giuseppe Gualtieri. Si è parlato ovviamente di come gestire il fenomeno dei migranti anche alla luce delle novità introdotte dal cosiddetto decreto Salvini, che prevedono una differenziazione dei servizi in merito alla problematica. Impossibile non confrontarsi anche su quanto accaduto nel rogo di San Ferdinando. Il prefetto Gualtieri in merito ha spiegato come vi sia «un’attenzione particolare, da circa un anno, sia da parte dell’ufficio territoriale di Reggio Calabria che del ministero dell’Interno», ma l’ennesima tragedia ha portato ad una accelerazione del tavolo per affrontare le problematiche con maggiore celerità. Sono state poi sottolineate anche le questioni di natura tecnica e giuridica nell’inquadrare tutti i soggetti che giungono sul suolo italiano.

Informazione pubblicitaria

Ma come detto, non soltanto di immigrazione si è parlato. Nell’incontro, che era stato convocato già un paio di settimane fa, sono state affrontate anche le tematiche relative ai potenziali rischi causati da eventi naturali come l’emergenza Stromboli e le scosse sismiche che si verificano nel Mediterraneo. Si temono infatti eruzioni vulcaniche che causerebbero uno «scivolamento in mare di materiale roccioso o sussulti sottomarini destinati a provocare onde anomale che potrebbero dirigersi sulle coste calabresi con possibili ingenti danni». Rilevata, infine, la necessità di un aggiornamento dei piani di Protezione civile di cui gli enti dovrebbero essere dotati, ma del punto si discuterà in un’altra occasione a Catanzaro, il prossimo 5 marzo. Quanto alla questione incendi, si è deciso ancora di proseguire nell’adozione delle linee guida emanate dal Viminale già lo scorso anno. Alla conferenza vibonese, oltre al prefetto Gualtieri, erano presenti il prefetto di Catanzaro Francesca Ferrandino, il prefetto di Cosenza Paola Galeone, il prefetto di Crotone Fernando Guida, il vice prefetto di Reggio Calabria Aurora Colosimo; ed il presidente della commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Crotone Fabrizio Gallo

LEGGI ANCHESanità, vertice con il commissario Cotticelli in Prefettura a Vibo

Allerta meteo nel Vibonese, la Prefettura attiva l’Unità di crisi

Fondi per strade e scuole, gli amministratori vibonesi si rivolgono al Prefetto – Video