Intimidazione alla Cof di Porto Salvo, pedane e attrezzature distrutte da un incendio

Al titolare dell’azienda, Francesco Barbieri, è giunta la solidarietà del presidente della Cna Vibo Tonino Cugliari: «Qui non ci sono le condizioni per fare impresa»

Al titolare dell’azienda, Francesco Barbieri, è giunta la solidarietà del presidente della Cna Vibo Tonino Cugliari: «Qui non ci sono le condizioni per fare impresa»

Informazione pubblicitaria
L'incendio nel piazzale della Cof
Informazione pubblicitaria

L’azienda alimentare Cof, che nell’area industriale di Porto Salvo confeziona insalate in busta, ha subito nei giorni scorsi un grave danneggiamento attraverso un incendio che ha distrutto alcune pedane e altre attrezzature depositate sul piazzale, all’interno dello scheletro di un capannone in fase di costruzione. Sul posto per estinguere le fiamme si sono portati i vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia e le forze dell’ordine che hanno avviato le indagini del caso. In corso di quantificazione i danni. Al titolare dell’azienda, Francesco Barbieri, è giunta la solidarietà del presidente della Confederazione nazionale artigiani (Cna) di Vibo Valentia, Tonino Cugliari, il quale, nell’apprendere del «vile e grave attentato che ha subito l’azienda» esprime «indignazione e sgomento». Il presidente di Cna ritiene, che «allo stato attuale, nel territorio della provincia di Vibo Valentia, non ci siano le condizioni per “fare impresa” e che continuamente vengono vanificati e umiliati gli sforzi di tanti imprenditori onesti e capaci, come quelli fatti quotidianamente da Francesco Barbieri. Imprenditori locali che – afferma – devono già affrontare i mille problemi legati all’inefficienza delle pubbliche amministrazioni e a inadeguate politiche pubbliche, ai vari livelli, per il consolidamento e lo sviluppo aziendale nei nostri territori. È quindi necessario una volta per tutte – conclude Cugliari – voltare pagina e, unendosi tutti all’imprenditore colpito, fare fronte comune contro la criminalità e chiedere con forza che lo Stato garantisca condizioni di legalità e sicurezza agli imprenditori sul territorio».

Informazione pubblicitaria