Quattro cuccioli abbandonati per strada tratti in salvo dai carabinieri forestali

Circolavano impauriti tra la carreggiata e i rovi nei pressi di Spilinga. I militari li hanno affidati al sindaco che ne ha disposto il ricovero in canile

Circolavano impauriti tra la carreggiata e i rovi nei pressi di Spilinga. I militari li hanno affidati al sindaco che ne ha disposto il ricovero in canile

Informazione pubblicitaria
Il salvataggio dei cuccioli
Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitaria

Li hanno notati nel pieno centro di una curva, ed è stata una fortuna altrimenti potevano fare una brutta fine. I carabinieri forestali hanno tratto in salvo quattro cuccioli di razza meticcia in località “Calati” nel comune di Spilinga mentre percorrevano la provinciale 24 durante una normale attività di servizio. I quattro cagnolini, di colore marroncino, privi di microchip, dell’età apparente di circa due mesi erano stati palesemente abbandonati, in discreto stato di salute, e si avvicendavano, impauriti, tra la strada ed i rovi, alla ricerca di alimenti, rappresentando, pertanto, un pericolo per sé stessi e per la circolazione veicolare. Immediato l’intervento dei militari che prelevavano i cuccioli deponendoli in una scatola di cartone e li affidavano al sindaco che ne disponeva il ricovero presso il canile convenzionato con l’Ente, per le cure del caso. Avviate le indagini volte a risalire agli autori dell’abbandono.

LEGGI ANCHESant’Onofrio, è strage di cani. Il Comune: «Sono stati avvelenati»

L’odissea passata dai volontari dell’Enpa per salvare due cani – Foto