Pena definitiva, lascia il carcere Nicolino Mazzeo

Il 49enne di Mesiano di Filandari ottiene dal Tribunale di Sorveglianza l’affidamento in prova ai servizi sociali

Il 49enne di Mesiano di Filandari ottiene dal Tribunale di Sorveglianza l’affidamento in prova ai servizi sociali

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Tribunale di sorveglianza di Catanzaro ha concesso l’affidamento in prova ai servizi sociali a Nicolino Pantaleone Mazzeo, 49 anni, di Mesiano di Filandari. L’istanza per la concessione dell’affidamento in prova ai sevizi sociali fuori regione è stata presentata dagli avvocati Francesco e Paola Stilo. Mazzeo stava scontando una condanna definitiva a 4 anni ed 8 mesi di reclusione rimediata per il reato di tentata estorsione (vicenda relativa a dei terreni sui quali doveva sorgere un agriturismo ad opera di una coppia inglese costretta poi ad abbandonare tutto) e per via di alcune violazioni alle prescrizioni imposte dal provvedimento applicativo della misura di prevenzione originario. Nicolino Pantaleone Mazzeo è rimasto coinvolto anche nell’operazione “Odissea” per il reato di usura ai danni dei coniugi Grasso-Franzè (accusato di aver fatto da tramite fra i coniugi e Giuseppe Accorinti di Zungri), ma è stato assolto in primo e secondo grado ed è in attesa del giudizio della Cassazione.   

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Sorveglianza speciale revocata per Nicolino Pantaleone Mazzeo

Operazione “Odissea” nel Vibonese, l’accusa ricorre in Cassazione