Carattere

Grande partecipazione per la rappresentazione sacra giunta alla 34esima edizione che ha avuto come scenario diversi angoli del paese

Una scena della Passione vivente
Cronaca

Occhi lucidi, visi tirati, sguardi attenti e assorti. Non è mancato il coinvolgimento emotivo alla rappresentazione scenica itinerante della Passione di Gesù Cristo, tenutasi nella serata di mercoledì a San Calogero. Giunto alla sua 34esima edizione, l'evento, che apre i riti della settimana santa, non ha deluso le aspettative della vigilia, riscuotendo un grande successo di pubblico e di critica. La messa in scena ha avuto come scenario diversi punti del paese, coinvolgendo per l’occasione buona parte della comunità locale. Cosicché San Calogero si è trasformata di colpo in una piccola Gerusalemme. Buona la recitazione degli attori, su tutti, quella di Nicola Riso che ha impersonato Gesù Cristo, di Salvatore Vallone e di Tonio Sibio, nelle vesti rispettivamente dell'apostolo Pietro e di Ponzio Pilato. Soddisfatti del risultato il regista della manifestazione Saverio Zinnà, il parroco don Antonio Farina, nonché gli organizzatori che tanto si sono spesi per allestire uno spettacolo all'altezza della situazione. La Passione vivente è stata ripresa in diretta dalle “telecamere” del gruppo Facebook “San Calogero di ieri”, aumentando a dismisura la platea di pubblico che, a distanza, ha potuto assistervi.

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook