Palasport di località Maiata, la Provincia cerca un nuovo gestore

Revocata la convenzione con la cooperativa “Nuovi orizzonti” che aveva avviato un corso di studi, l’ente ha indetto una procedura per individuare un soggetto che possa gestire la struttura

Revocata la convenzione con la cooperativa “Nuovi orizzonti” che aveva avviato un corso di studi, l’ente ha indetto una procedura per individuare un soggetto che possa gestire la struttura

Informazione pubblicitaria

Non sarà più la cooperativa sociale “Nuovi orizzonti” a gestire il palasport provinciale di località Maiata a Vibo Valentia, a partire dal primo settembre. La Provincia ha infatti deciso di procedere con urgenza all’indizione di una procedura ad evidenza pubblica per la gestione della struttura. La Nuovi orizzonti, che aveva preso in gestione il palasport in virtù di una convenzione stipulata e poi modificata nel 2013, potrà rimanere all’interno della struttura con i suoi uffici e aule fino al 31 agosto 2019. La cooperativa, infatti, aveva preso in gestione il bene per attivare un piano di studi per il liceo scientifico sportivo paritario, avviando le attività dal 2016. Da allora, si impegnava inoltre a versare un canone annuo di 10.800 euro (poi comunque “scontato” con l’accollo del mutuo che la Provincia aveva acceso col Credito sportivo) e di predisporre un piano di interventi migliorativi da 30mila euro annui. Ma sopraggiunte difficoltà hanno portato la cooperativa – come precisato nella delibera del presidente della Provincia – a non riuscire ad ottemperare agli obblighi assunti. Da qui, nel febbraio 2018, la decisione di revocare la concessione

Informazione pubblicitaria

Oggi la Provincia, pur riconoscendo «la professionalità dimostrata e la passione per le attività svolte» dalla Nuovi orizzonti, non può non rilevare come non vi siano le condizioni tecniche ed economiche per proseguire nell’affidamento. Dunque, per assicurare l’utilizzo alle associazioni sportive che in questo periodo, grazie alla cooperativa, hanno potuto usufruire della struttura; e per permettere alla coop stessa di individuare una nuova sede, si è deciso di mantenerla fino al 31 agosto, nelle more dell’individuazione del nuovo soggetto che dovrà gestire il palasport provinciale.