Cane chiuso in un sacco e abbandonato in strada, presentata denuncia contro ignoti

I volontari che hanno soccorso “Burro” hanno reso noto di essersi recati in Procura per presentare un esposto verso quello che definiscono “un atto di crudeltà gratuita” 

I volontari che hanno soccorso “Burro” hanno reso noto di essersi recati in Procura per presentare un esposto verso quello che definiscono “un atto di crudeltà gratuita” 

Informazione pubblicitaria
Il cane "Burro" al momento del ritrovamento
Informazione pubblicitaria

Era stato recuperato lungo le strade di Vibo Marina. “Burro”, così lo hanno chiamato, era stato trovato sofferente sull’asfalto, chiuso in un sacco e con le zampe legate. Da quella giornata, nel corso della quale erano intervenuti i volontari dell’Enpa di Pizzo, i Vigili del fuoco e il responsabile Conservazione del Wwf Calabria Pino Paolillo, il cane è stato trasferito in un luogo sicuro. Oggi, un nuovo capitolo. I volontari hanno reso noto di aver formalizzato denuncia contro ignoti recandosi personalmente in Procura per denunciare quell’atto di crudeltà gratuita verso l’animale. Critiche le condizioni del cane che non è escluso possa risultare positivo alla leishmaniosi anche se si attende l’esito di analisi più approfondite. Successivamente si procederà con una raccolta fondi per far fronte alle spese veterinarie. «Dall’Asl ci hanno risposto che non ci sono risorse», commentano i volontari.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEChiuso in un sacco con le zampe legate, soccorso un cane a Vibo Marina