Scuola e riforme degli indirizzi, gli istituti calabresi si ritrovano a Vibo

L’Ipseoa “Gagliardi” ospiterà un seminario di studio condotto dal collaboratore del ministero Pasquale Di Nunno

L’Ipseoa “Gagliardi” ospiterà un seminario di studio condotto dal collaboratore del ministero Pasquale Di Nunno

Informazione pubblicitaria
Pasquale Di Nunno
Informazione pubblicitaria

Mentre l’anno scolastico si avvia verso la conclusione, le tanto attese linee guida per la definizione dei nuovi profili in uscita negli istituti professionali ancora sono in incubazione dentro le stanze del Miur. In questo quadro vige ancora incertezza per quanto riguarda i criteri di valutazione da adottare dal primo al secondo anno, alla luce anche della pubblicazione del primo regolamento attuativo che risale a luglio del 2018. In sostanza si tratta dei contenuti del decreto interministeriale 92 del 24 maggio 2018 che riguarda i profili di uscita dei “nuovi” indirizzi di studio, i relativi risultati di apprendimento, ed infine la correlazione dei profili in uscita degli indirizzi di studio ai settori economico-professionali. Nelle linee guida si dovrebbero prevedere le indicazioni operative (e non solo i criteri) per la declinazione, degli indirizzi di studio in percorsi formativi richiesti dal territorio e per modulare i relativi risultati di apprendimento.

Informazione pubblicitaria

Il dirigente scolastico dell’istituto Ipseoa “Gagliardi” di Vibo, Pasquale Barbuto insieme alle docenti responsabili Tinuccia Consoli e Maria Oliverio, inserite nel cosiddetto progetto Tripla A, si sono attivati per non restare impreparati sui contenuti della riforma in atto. Dopo aver organizzato diversi incontri nel mese di marzo, con al centro la riforma degli Esami di Stato, giovedì 30 maggio, nella sede della scuola è previsto un ulteriore incontro formativo con Pasquale Di Nunno, collaboratore del Miur. Questo nuovo appuntamento – a cui parteciperanno delegazioni di tutti gli istituti professionali della Calabria – è stato necessario per sciogliere alcuni punti rimasti ancora controversi, come la valutazione intermedia, la revisione Pfi, le direttive esplicative Esami di Stato e la conduzione del colloquio.