Polia: Enno, il cane carabiniere, scova 120 cartucce di fucile

Nel corso di una perquisizione domiciliare un 42enne originario di Lamezia Terme è stato denunciato in stato di libertà per detenzione illegale di munizioni 

Nel corso di una perquisizione domiciliare un 42enne originario di Lamezia Terme è stato denunciato in stato di libertà per detenzione illegale di munizioni 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I Carabinieri della Stazione di Polia, unitamente ai militari della Compagnia di Serra San Bruno e ai Carabinieri Cinofili del 14° Battaglione di Vibo Valentia, insieme ad “Enno”, un’unità cinofila addestrata per i compiti di polizia, hanno effettuato un servizio al fine di contrastare il fenomeno del possesso illegale di armi, munizioni e materiale esplodente, ponendo in essere una serie di perquisizioni domiciliari nell’ambito del comune di Polia. Nella circostanza, durante una delle varie perquisizioni effettuate, i militari operanti hanno rinvenuto circa 120 munizioni da fucile, di vario calibro e tipologia, illegalmente detenute, ben occultate all’interno di un’abitazione. Durante la perquisizione è stato proprio Enno a fiutare le tracce di questo munizionamento, guidando i militari al nascondiglio. Per tale reato è stato quindi deferito a piede libero un uomo già noto alle forze dell’ordine, 42enne originario di Lamezia Terme, ma residente proprio a Polia, presente all’atto della perquisizione stessa. Tutte le munizioni sono state quindi sequestrate e messe a disposizione dell’autorità giudiziaria per gli accertamenti del caso. 

Informazione pubblicitaria