Operazione “Rimpiazzo”: 36enne di Piscopio lascia il carcere

Passa ai domiciliari su istanza della difesa. In precedenza il Riesame ha annullato l’ordinanza per quanto attiene l’associazione mafiosa

Passa ai domiciliari su istanza della difesa. In precedenza il Riesame ha annullato l’ordinanza per quanto attiene l’associazione mafiosa

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Passa dal carcere agli arresti domiciliari Angelo David, 36 anni, di Piscopio, coinvolto nell’operazione “Rimpiazzo” della Dda di Catanzaro contro il clan dei Piscopisani e detenuto per la detenzione ai fini di spaccio di 500 grammi di cocaina. Il gip distrettuale di Catanzaro ha accolto un’istanza degli avvocati Francesco Muzzopappa e Maria Grazia Pianura ed ha ritenuto attenuate le esigenze cautelari e da qui la concessione degli arresti domiciliari. Il 9 maggio scorso, invece, il Tribunale del Riesame ha annullato per Angelo David – alias “Giotto” – l’ordinanza di custodia cautelare per quanto attiene il reato di associazione mafiosa. In questo caso Angelo David è accusato di aver fatto parte della “società minore” di Piscopio con il grado di “picciotto”. 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Vibo, ecco come il clan dei Piscopisani controllava il voto – Video

‘Ndrangheta, operazione “Rimpiazzo” contro i Piscopisani: una scarcerazione del Riesame

‘Ndrangheta: il Tdl tiene dentro Nazzareno Fiorillo e scarcera Nicola Barba

‘Ndrangheta: operazione Rimpiazzo, altre cinque scarcerazioni fra i Piscopisani

Il clan che pilotava i voti alle elezioni e i politici legati a doppio filo con i Piscopisani

‘Ndrangheta: operazione “Rimpiazzo”, resta in carcere Michele Fiorillo

‘Ndrangheta: operazione “Rimpiazzo”, annullate sei ordinanze

Narcotraffico: il pentito Moscato e la perdita dei soldi dopo un sequestro nel porto di Livorno

‘Ndrangheta: il pentito Moscato ed i legami del boss Razionale col Vaticano e la massoneria

Il clan dei Piscopisani e le bische clandestine da Vibo sino a Tropea

‘Ndrangheta: il clan dei Piscopisani ed il consenso sociale nel paese