sabato,Aprile 17 2021

Operazione “Rimpiazzo”: 36enne di Piscopio lascia il carcere

Passa ai domiciliari su istanza della difesa. In precedenza il Riesame ha annullato l’ordinanza per quanto attiene l’associazione mafiosa

Operazione “Rimpiazzo”: 36enne di Piscopio lascia il carcere

Passa dal carcere agli arresti domiciliari Angelo David, 36 anni, di Piscopio, coinvolto nell’operazione “Rimpiazzo” della Dda di Catanzaro contro il clan dei Piscopisani e detenuto per la detenzione ai fini di spaccio di 500 grammi di cocaina. Il gip distrettuale di Catanzaro ha accolto un’istanza degli avvocati Francesco Muzzopappa e Maria Grazia Pianura ed ha ritenuto attenuate le esigenze cautelari e da qui la concessione degli arresti domiciliari. Il 9 maggio scorso, invece, il Tribunale del Riesame ha annullato per Angelo David – alias “Giotto” – l’ordinanza di custodia cautelare per quanto attiene il reato di associazione mafiosa. In questo caso Angelo David è accusato di aver fatto parte della “società minore” di Piscopio con il grado di “picciotto”. 

LEGGI ANCHE: Vibo, ecco come il clan dei Piscopisani controllava il voto – Video

‘Ndrangheta, operazione “Rimpiazzo” contro i Piscopisani: una scarcerazione del Riesame

‘Ndrangheta: il Tdl tiene dentro Nazzareno Fiorillo e scarcera Nicola Barba

‘Ndrangheta: operazione Rimpiazzo, altre cinque scarcerazioni fra i Piscopisani

Il clan che pilotava i voti alle elezioni e i politici legati a doppio filo con i Piscopisani

‘Ndrangheta: operazione “Rimpiazzo”, resta in carcere Michele Fiorillo

‘Ndrangheta: operazione “Rimpiazzo”, annullate sei ordinanze

Narcotraffico: il pentito Moscato e la perdita dei soldi dopo un sequestro nel porto di Livorno

‘Ndrangheta: il pentito Moscato ed i legami del boss Razionale col Vaticano e la massoneria

Il clan dei Piscopisani e le bische clandestine da Vibo sino a Tropea

‘Ndrangheta: il clan dei Piscopisani ed il consenso sociale nel paese

 

 

top