Carenza idrica, a Piscopio la crisi dell’acqua va avanti da 24 giorni – Video

Nella popolosa frazione il liquido arriva regolarmente solo nelle zone più basse senza riuscire a raggiungere molte abitazioni a causa di allacci abusivi e perdite alla rete 

Nella popolosa frazione il liquido arriva regolarmente solo nelle zone più basse senza riuscire a raggiungere molte abitazioni a causa di allacci abusivi e perdite alla rete 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ventiquattro giorni di crisi idrica nella frazione di Piscopio, a Vibo Valentia, e una polemica che infiamma il dibattito circa modi e tempi per risolverla. Il consigliere comunale d’opposizione Pietro Comito chiede l’immediata attivazione della nuova rete, costruita ai tempi del sindaco D’Agostino; l’assessore ai lavori pubblici Giovanni Russo gli replica: “prima mettiamo ordine negli allacci e colpiamo gli abusivi”. Tutto questo ai nostri microfoni, nella mattinata trascorsa tra i cittadini in piazza che si lamentano e altri che preferiscono non parlare. In realtà la crisi non è uniforme, e il vertice operativo convocato dal sindaco Maria Limardo in Municipio – assieme ai tecnici guidati dal commissario Sorical, Luigi Incarnato – lo conferma. Ci sono zone della popolosa frazione dove l’acqua arriva perché il serbatoio è posto su una collina e il prezioso liquido, per caduta, raggiunge la parte bassa del paese prima di risalire. Solo che nel tragitto di ritorno la quantità di acqua diminuisce o perché non c’è pressione oppure perché gli allacci abusivi si moltiplicano e l’acqua si disperde anche per via della vetustà della rete. Operai e politici sono sul campo, però. Aperti i tombini, si tenta di potenziare l’adduzione e nei prossimi giorni si farà una nuova verifica per capire se basta. Intanto, all’alba di ogni giorno la margherita del serbatoio della sorgente “Otto canali” deve essere girata.  

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEAcqua, riunione Comune-Sorical: «Ecco il piano per aggredire il problema»