Inchiesta sull’Aterp di Vibo: ancora un rinvio dal gup per 16 imputati

Da tempo un giudice deve esaminare la richiesta di rinvio a giudizio della Procura. Il processo è stato chiesto, fra gli altri, per l’attuale vicepresidente del Consiglio regionale, Giuseppe Gentile, per Domenico Pallaria, Antonino Daffinà e Giuseppe Romano

Da tempo un giudice deve esaminare la richiesta di rinvio a giudizio della Procura. Il processo è stato chiesto, fra gli altri, per l’attuale vicepresidente del Consiglio regionale, Giuseppe Gentile, per Domenico Pallaria, Antonino Daffinà e Giuseppe Romano

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Niente da fare per la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura di Vibo Valentia, nell’ambito dell’inchiesta sull’acquisto del palazzo dell’Aterp in via Machiavelli a Vibo. Dopo l’udienza andata a vuoto il 10 maggio dello scorso anno dinanzi al gup del Tribunale di Vibo per difetti di notifica ad alcuni imputati e dopo altra udienza con un nulla di fatto per l’astensione degli avvocati in adesione allo sciopero delle Camere penali (22 novembre dello scorso anno) e poi quella del 14 marzo scorso saltata per un difetto di notifica nei confronti dell’imputato Giuseppe Gentile, attuale vice presidente del Consiglio regionale, oggi si è registrato l’ennesimo rinvio. Il gup del Tribunale di Vibo Valentia, Giulio De Gregorio, ha infatti rinviato l’udienza al 31 ottobre prossimo poiché il giudice sta attualmente trattando solo le udienze con detenuti. La carenza di magistrati al Tribunale di Vibo, dunque, provoca l’ennesimo rinvio dell’udienza preliminare. 

Informazione pubblicitaria

Nel procedimento sull’Aterp vengono a vario titolo ipotizzati i reati di truffa aggravata, abuso d’ufficio in concorso, falsità ideologica e turbativa d’asta. In particolare, la richiesta di rinvio a giudizio interessa: Giuseppe Gentile, 75 anni, di Cosenza, ex assessore regionale, attuale consigliere regionale di Forza Italia e vice presidente del Consiglio regionale; Antonino Daffinà, 58 anni, di Vibo, ex commissario dell’Aterp di Vibo ed anche lui esponente di Forza Italia; Nazzareno Guastalegname, 69 anni, imprenditore di Stefanaconi e proprietario dell’immobile in cui ha sede a Vibo l’Aterp; Giuseppe Maria Romano, 70 anni, di Tropea, ex direttore generale dell’Aterp, già sindaco di Tropea, attuale consigliere comunale di minoranza a Tropea; Michele Montagnese, 74 anni, di Vibo Valentia, ex sindaco della città capoluogo; Antonino Stagno, 47 anni, imprenditore di San Calogero, socio di Guastalegname nell’acquisto del palazzo poi divenuto sede dell’Aterp; Emilio Minasi, 66 anni, di Cosenza; Luciano De Pascali, 61 anni, di Vibo Valentia; Giuseppe Raffele, 51 anni, di Serra San Bruno, ex direttore tecnico dell’Aterp, ex consigliere provinciale e candidato alla presidenza della Provincia di Vibo nel 2014 con Udc/Ncd (indagato per abuso d’ufficio e turbativa d’asta); Domenico Pallaria, 60 anni, di Curinga, direttore generale della Regione Calabria; Antonio Capristo, 60 anni, di Rossano; Nicola Barbuto, 72 anni, di Vibo (ex revisore dei conti dell’Aterp); Serafino Fiamingo, 43 anni, di Zungri; Giuseppe Pepe, 73 anni, di Vibo (ex revisore dei conti dell’Aterp); Nicola Bosco, 78 anni, di Vibo (ex revisore dei conti dell’Aterp); Vito Caglioti, 78 anni, di Soriano Calabro (ex revisore dei conti dell’Aterp). L’inchiesta è stata avviata nel 2015 quando la Guardia di finanza – oltre alla documentazione relativa a 32 assunzioni con contratti a progetto – aveva acquisito tutta la documentazione relativa all’acquisto, per la somma di 2 milioni e 800mila euro, della sede in cui sono ubicati gli uffici dell’Aterp di Vibo. L’edificio era stato acquistato dall’Aterp guidata da Antonino Daffinà (in quota Forza Italia) quando già si sarebbe avuta piena consapevolezza, ad avviso degli investigatori, che la legge regionale numero 24 del 2013 avrebbe di lì a poco soppresso l’Aterp di Vibo Valentia ed accorpato tutte le Aterp provinciali in un’unica azienda regionale. I soldi utilizzati per comprare la nuova sede dell’Aterp di Vibo provengono dal fondo ex Gescal (Gestione case per i lavoratori) che doveva invece servire a ben altri scopi.    PER LE SINGOLE ACCUSE LEGGI QUI: Inchiesta sull’Aterp di Vibo: ennesimo rinvio nel procedimento contro 16 imputati