Vibo, carcassa per strada da giorni… ma il servizio di rimozione non c’è – Video

Il poveri resti di un cane di media taglia, travolto da un’auto in corsa, lasciati a decomporsi sotto il sole. Indignati i commercianti della zona: «I clienti scappano e i vigili ci hanno consigliato di chiudere»  

Il poveri resti di un cane di media taglia, travolto da un’auto in corsa, lasciati a decomporsi sotto il sole. Indignati i commercianti della zona: «I clienti scappano e i vigili ci hanno consigliato di chiudere»  

Informazione pubblicitaria
La carcassa abbandonata sul ciglio della strada
Informazione pubblicitaria

La carcassa di un cane di media taglia, investito da un’auto in corsa, giace da giorni sul ciglio di una strada. Si tratta della trafficata Statale 18 a Vibo Valentia, nei pressi del centro commerciale. Oltre all’immagine raccapricciante della povera bestiola, i residenti della zona sono costretti a vivere da venerdì scorso barricati in casa per via dell’odore nauseabondo che emana dai resti dell’animale. Disagi anche per i commercianti della zona e soprattutto per i titolari di un bar e di una rosticceria che ricevono le lamentele dei loro clienti per l’odore che rende l’aria irrespirabile. «Abbiamo chiamato la Polizia municipale, i carabinieri e i vigili del fuoco. E’ arrivato pure un veterinario che ha constatato che si tratta di un randagio poiché privo di microchip».

Informazione pubblicitaria

Ai commercianti, i vigili urbani avrebbero detto di essere impossibilitati a rimuovere la carcassa perché il servizio che si occupa di ciò, non è momentaneamente disponibile. Alla richiesta di aiuto di Francesco Demasi e Nicola Satriani i vigili avrebbero poi consigliato di «chiudere le attività commerciali almeno per un paio di giorni». Una risposta che, per i due commercianti, sa di beffa. «Non basta dover affrontare la crisi economica – hanno detto -, ora dovremmo anche chiudere le nostre attività perché il Comune non riesce a garantire il servizio di raccolta delle carcasse? E chi ci risarcirebbe per i mancati introiti?».