Aggressione ad assessore a Nicotera, solidarietà dalla minoranza e dal Movimento 14 luglio

Denunciato ai carabinieri il parente del titolare di un bar ubicato in una strada che l’amministrazione ha chiuso al traffico veicolare

Denunciato ai carabinieri il parente del titolare di un bar ubicato in una strada che l’amministrazione ha chiuso al traffico veicolare

Informazione pubblicitaria

Lamenta danni economici per il bar gestito da un parente e finisce per aggredire l’assessore ai lavori pubblici Marco Vecchio, “colpevole” a suo avviso di aver chiuso al traffico la strada dove è ubicato il locale. E’ successo a Nicotera dove S.G., 60 anni, del luogo, è stato denunciato dall’amministratore ai carabinieri per l’aggressione. Confermata altresì la chiusura al traffico veicolare di via Castello.

Informazione pubblicitaria

A condannare l’episodio e ad esprimere solidarietà all’assessore, i consiglieri del gruppo di minoranza della lista Movi@Vento, Antonio D’Agostino, Maria Adele Buccafusca e Salvatore Pagano, i quali si dichiarano contro ogni forma di violenza “perché chi aggredisce – spiegano i tre consiglieri – ha sempre e comunque torto. Senza se e senza ma”. Anche il Movimento 14 luglio, dal canto suo, esprime la propria solidarietà all’assessore Marco Vecchio, ribadendo che “la violenza non ha mai alcuna giustificazione, mentre è necessario riscoprire il rispetto umano, la tolleranza, le regole del vivere civile. L’aggressione all’assessore è stata un’offesa a quello che Marco Vecchio rappresenta e un atto di violenza nei confronti di un uomo. Nessuno può pensare che con tali atti – rimarca Carmen Tomeo – si riesca ad ottenere ciò che si vuole”.