Sorpresi a coltivare piantagione di marijuana, arrestati dai carabinieri

L’attività di controllo ha permesso ai militari della Compagnia di Serra di individuare due soggetti e coglierli in flagranza di reato. Entrambi sono stati posti ai domiciliari

L’attività di controllo ha permesso ai militari della Compagnia di Serra di individuare due soggetti e coglierli in flagranza di reato. Entrambi sono stati posti ai domiciliari

Informazione pubblicitaria
Il ritrovamento della piantagione

Due persone sono state arrestate dai carabinieri della stazione di Arena. Si tratta di un uomo di Acquaro e di un altro di Gerocarne, colti in flagranza di reato mentre coltivavano una piantagione di marijuana composta da 240 piante di un’area rurale nel Comune di Acquaro. L’attività dei militari è stata condotta unitamente al personale dello Squadrone eliportato Cacciatori Calabria e della sezione Radiomobile della Compagnia di Serra San Bruno. Entrambi i soggetti arrestati, con precedenti di polizia (i nominativi non sono stati al momento resi noti dai carabinieri), sono stati sottoposti ai domiciliari in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziaria. 

La sostanza stupefacente, una volta essiccata e immessa sul mercato, avrebbe fruttato guadagni illeciti pari a 120mila euro. L’operazione è stata condotta nell’ambito di una serie di servizi di rastrellamento del territorio che hanno portato all’individuazione della piantagione e da qui, dopo l’attività di osservazione, sono scattati gli arresti in flagranza di reato.