‘Ndrangheta, arriva la solidarietà all’imprenditore che ha denunciato il boss Mancuso

Vicinanza espressa dal coordinatore provinciale della Lega Carlutti: “Noi sempre dalla parte di chi lotta contro la criminalità”. Attestati anche dall’associazione ConDivisa e dalla Federazione sindacale di Polizia

Vicinanza espressa dal coordinatore provinciale della Lega Carlutti: “Noi sempre dalla parte di chi lotta contro la criminalità”. Attestati anche dall’associazione ConDivisa e dalla Federazione sindacale di Polizia

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Qualcuno si fa sentire. Dopo l’amarezza manifestata da Carmine Zappia, imprenditore di Nicotera che con la sua denuncia ha fatto arrestare il boss Antonio Mancuso ed il nipote Alfonso Cicerone, che lamentava l’assenza di attestati di vicinanza da parte delle istituzioni, giungono i primi attestati. Oggi arriva la solidarietà di Angelo Carlutti, coordinatore provinciale della Lega Salvini premier di Vibo Valentia. Carlutti, dopo un plauso “all’ineludibile contributo delle forze dell’ordine”, spiega di condividere le parole del prefetto Francesco Zito secondo il quale “questo è un evento importante, un imprenditore si è ribellato ed ha trovato il coraggio di denunciare i malfattori, deve essere un esempio da imitare”. Carlutti conclude sostenendo che “la Lega è sempre al fianco di chi nella lotta alla criminalità organizzata agisce per il rispetto della legalità”.

Informazione pubblicitaria

Parole di vicinanza giunte anche dall’associazione ConDivisa, con Lia Staropoli anche in rappresentanza del movimento Ammazzateci tutti, e dalla Federazione sindacale di Polizia, col segretario nazionale Giuseppe Brugnano. Entrambi, in una nota congiunta, affermano che “le denunce del signor Carmine Zappia rappresentano un nuovo tassello verso la riconquista del nostro territorio”. Dai due, inoltre, arriva un “ringraziamento agli investigatori dei carabinieri coordinati dalla Dda di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri, che operano incessantemente per liberare il nostro territorio dalla ‘ndrangheta, colpendo i vertici delle ‘ndrine. A questo costante impegno deve aggiungersi quello dei cittadini onesti, che hanno il dovere di denunciare e di evitare di conferire consenso sociale, e consenso social, a chi è legato alla ‘ndrangheta. Ci schieriamo pubblicamente dalla parte del signor Zappia, dalla parte di tutti coloro che hanno denunciato i Mancuso con coraggio, e ci schieriamo pubblicamente, ancora una volta dalla parte delle donne e degli uomini delle forze di Polizia, gli unici alleati dei cittadini onesti contro ogni forma di ritorsione e chiediamo ai nostri concittadini perbene di sostenerli a loro volta, anche andando ad acquistare presso gli esercizi commerciali del signor Zappia come faremo noi personalmente, un piccolo sostegno concreto verso una famiglia in difficoltà a causa delle estorsioni. Pertanto – concludono Brugnano e Staropoli – facciamo un invito corale alla Calabria onesta e perbene: sosteniamo il signor Zappia e tutti gli imprenditori che non si piegano alle logiche criminali, se uniti vinciamo noi”.

LEGGI ANCHEVittima del clan Mancuso ricevuta in Prefettura a Vibo – Video