sabato,Maggio 25 2024

Nessuna diffamazione ai danni della dirigente Teti, assolti Il Vibonese e la giornalista Iannuzzi

Il Tribunale di Vibo Valentia riconosce la correttezza della nostra testata perché i fatti non sussistono. Quattro gli articoli “incriminati”, ma le tesi dell’accusa e della parte civile non reggono al vaglio del giudice

Nessuna diffamazione ai danni della dirigente Teti, assolti Il Vibonese e la giornalista Iannuzzi
Adriana Teti, ex dirigente del settore Ambiente del Comune di Vibo Valentia

Assolta perché il fatto non sussiste. Nessuna diffamazione da parte de Il Vibonese nei confronti della dirigente del Comune di Vibo Valentia, Adriana Teti, che si era costituita parte civile nel processo con l’assistenza dell’avvocato Sonia Lampasi. Il Tribunale monocratico di Vibo Valentia – presieduto dal giudice Giorgia Maria Ricotti – ha infatti assolto con formula piena la giornalista Cristina Iannuzzi, chiamata a rispondere per alcuni articoli pubblicati sull’allora edizione cartacea del settimanale Il Vibonese nel 2014. Assistita dall’avvocato Giuseppe Esposito, il Tribunale ha accolto in pieno la tesi difensiva mandando assolta la giornalista (unica imputata) “perché il fatto non sussiste” e riconoscendo, quindi, il pieno diritto di cronaca e di critica. Nessuna offesa alla reputazione della dirigente comunale, Adriana Teti, dunque – come invece sosteneva l’Ufficio di Procura che aveva chiesto l’affermazione della penale responsabilità per la giornalista – e contrariamente a quanto riteneva la parte civile. Quattro gli articoli de Il Vibonese “incriminati”, che spaziavano dal problema dell’acqua sporca erogata ai cittadini dal Comune sino ai rifiuti, dalla gestione del randagismo in città alle mancate manifestazioni estive sino ai corsi per il personale dipendente di “palazzo Luigi Razza”. Nessuna frase e nessun pezzo è stato ritenuto dal Tribunale diffamatorio nei confronti della dirigente Adriana Teti. Fra 90 giorni il deposito delle motivazioni della sentenza.

LEGGI ANCHE: Inchiesta sui rifiuti a Vibo: la Procura chiede tre rinvii a giudizio e stralcia altrettante posizioni

Vibo Valentia: avviso per il Garante della disabilità copiato dal Comune di Guidonia Montecelio

Lavori al Vibo Center: il Tar boccia sonoramente l’operato del Comune

Articoli correlati

top