domenica,Settembre 26 2021

Spagnuolo ritira la candidatura alla Procura di Catanzaro e blinda quella di Cosenza

L’attuale procuratore di Vibo Valentia, prende atto dell’orientamento del Csm e spiana così la strada alla nomina di Nicola Gratteri al vertice degli uffici giudiziari del capoluogo di regione.

Spagnuolo ritira la candidatura alla Procura di Catanzaro e blinda quella di Cosenza

Si delinea con ragionevole certezza lo scacchiere delle nomine per la guida di due delle più importanti Procure calabresi, quelle di Catanzaro e Cosenza. In entrambi i casi, tra i “papabili” al subentro nel ruolo di procuratore capo era dato l’attuale procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo.

Nella giornata di oggi si è però verificata una circostanza che contribuisce a determinare il futuro assetto del vertice degli uffici giudiziari in questione. Spagnuolo ha infatti ufficialmente revocato la domanda relativa alla corsa al Palazzo di giustizia del capoluogo di regione. La decisione è stata assunta dall’attuale procuratore di Vibo anche sulla base della schiacciante proposta, giunta dalla Quinta commissione del Consiglio superiore della magistratura, che lo ha indicato alla guida della Procura cosentina.

Una scelta, quella di Spagnuolo, assunta dunque in adesione all’orientamento dello stesso Csm che di fatto lo indirizza in maniera indubitabile verso Cosenza spianando, al contempo, la strada alla nomina di Nicola Gratteri a capo della Procura di Catanzaro.

top