GALLERY | ‘Giù le mani dall’ospedale’: Tropea scende in piazza

UN corteo per dire “No” al definitivo smantellamento dell'ospedale di Tropea. Per palesare la contrarietà al decreto Scura. C'erano quasi mille persone alla manifestazione di questa mattina indetta da tre comitati civici.

UN corteo per dire “No” al definitivo smantellamento dell'ospedale di Tropea. Per palesare la contrarietà al decreto Scura. C'erano quasi mille persone alla manifestazione di questa mattina indetta da tre comitati civici.

Informazione pubblicitaria

La serpentina umana è partita dal presidio ospedaliero per poi confluire in Piazza Vittorio Veneto. In prima fila il sindaco della citta Giuseppe Rodolico e i colleghi dei comuni vicini. La piazza si è, quindi, riempita di persone indignate di fronte ad una politica che mina un diritto costituzionale, ossia quello dell’assistenza sanitaria gratuita.

A prendere la parola i presidenti dei tre sodalizi organizzatori, Rotolo, Saturno e Pietropaolo e i rappresentanti di altre associazioni, il parroco don Ignazio Toraldo e l’imprenditore Mario Romano. Inoltre è stato letto un messaggio di vicinanza da parte del vescovo monsignor Luigi Renzo, mentre in tarda mattinata è giunto anche il parlamentare Franco Bruno.

Il leitmotiv degli interventi è stato unico: non si può lasciare la capitale del turismo italiano senza un ospedale. Anche in considerazione del fatto che in estate la sua popolazione quadruplica.