A Tropea sportelli ticket nel caos, la Cisal: «Svilita l’immagine della città»

Il nuovo sistema informatico non sarebbe ancora entrato a pieno regime per il sindacato che denuncia notevoli disagi

Il nuovo sistema informatico non sarebbe ancora entrato a pieno regime per il sindacato che denuncia notevoli disagi

Informazione pubblicitaria
Disagi agli sportelli

«Chi pensava che il più innovativo sistema informatico Cup-Ticket ideato dall’Asp di Vibo Valentia per superare i reiterati disagi emersi spesso nella erogazione dei servizi negli appositi sportelli distribuiti sul capoluogo e le sedi periferiche, potesse conoscere una definitiva soluzione ha dovuto purtroppo ricredersi e fare i conti con una triste e avvilente realtà».

È quanto sostiene in una nota Filippo Curtosi, segretario provinciale della Cisal, in relazione ai disagi registrati agli sportelli ticket di Tropea. «Il sistema – spiega – non funziona a dovere e bisogna cercare di capire di chi sono realmente le responsabilità. Sicché, preso atto di quanto accaduto nelle ultime ore alla Cisal non è rimasto altro che denunciare l’assurda situazione che si è venuta a determinare ieri, martedì, negli uffici che ospitano lo sportello di prenotazione e incasso dell’Asp a Tropea».

Per Curtosi, «quando sembrava che il problema relativo alla messa in opera del nuovo sistema informatico rispondesse concretamente alle necessità degli utenti, è accaduto che centinaia di persone impegnate in un’interminabile coda, sin dalle ore 8 del mattino, hanno dovuto affidarsi al buon senso e alla comprensione dei due impiegati di turno per chiedere loro soddisfare le giuste richieste».

Così l’orario di servizio dello sportello, previsto dalle ore 8 fino alle ore 12, è stato protratto, per la precisa disponibilità dei due operatori, fino alle 15.

«Se non fosse stato per la pazienza certosina dei due dipendenti – è stato affermato dalle tante persone in attesa – avremmo dovuto tornarcene a casa senza la importante prenotazione. E’ una situazione insostenibile che noi intendiamo denunciare con forza prendendo atto che l’organizzazione dell’Azienda lascia continuamente a desiderare anche in questo importante settore dell’attività sanitaria. La sanità a Tropea continua ad essere vessata. Quello che sta accadendo in questi giorni è incredibile. Dispiace che a pagarne sia anche l’immagine complessiva di Tropea».

Le scene di nervosismo e stancante attesa non hanno, comunque, provocato situazioni di notevole disagio ambientale grazie all’impegno, ai sacrifici e alla concreta disponibilità degli operatori in servizio. Sul posto, a sedare qualche timido tentativo di disordini è intervenuta anche una pattuglia della polizia. «L’azienda sanitaria – insiste Curtosi – che non funziona non è una novità. Il direttore generale dell’Asp di Vibo Valentia, secondo i cittadini che hanno originato la vibrata protesta, non è stato in grado di dare il senso sperato al cambiamento di sistema informatico, aggravando il già noto stato di disagio».

Tra le altre cose si sottolinea infine la mancata formazione sul nuovo sistema informatico e il fatto che nel periodo estivo si moltiplica la pressione demografica, «favorendo il sorgere di difficoltà e di ostacoli sia ai cittadini utenti che agli operatori».