Scomparso nel Bolognese, 42enne di San Nicola da Crissa ritrovato morto in un dirupo

L’uomo sarebbe rimasto vittima di un'aggressione i cui contorni sono ancora tutti da chiarire. A dare l’allarme l’ex moglie insospettiva dalla mancata chiamata al figlio  

L’uomo sarebbe rimasto vittima di un'aggressione i cui contorni sono ancora tutti da chiarire. A dare l’allarme l’ex moglie insospettiva dalla mancata chiamata al figlio  

Informazione pubblicitaria
Rilievi sul luogo del ritrovamento (foto Ansa)
Informazione pubblicitaria

Sono ancora tutte da chiarire le circostanze della morte di Consolato Ingenuo, operaio 42enne originario di San Nicola da Crissa, da tempo residente nel Bolognese, ritrovato cadavere in un dirupo nel pomeriggio di ieri a Tolè di Vergato, sull’Appennino bolognese. Della vittima, di quella che a tutti gli effetti si configura come una morte violenta, si erano perse le tracce fin dallo scorso lunedì quando sarebbe stato notato in compagnia di amici in alcuni bar della zona. Testimonianze raccontano, poi, anche di una lite che lo avrebbe visto coinvolto nella stessa serata. Da allora nessuna notizia si è più avuta dell’uomo e a lanciare l’allarme è stata l’ex moglie, residente in zona, insospettita dalla mancata telefonata che Ingenuo faceva regolarmente al figlio. Quindi la segnalazione ai carabinieri e l’avvio delle ricerche che hanno visto impegnate sul campo anche squadre del Soccorso alpino. Il ritrovamento è avvenuto nel pomeriggio di ieri in una scarpata e dai primi accertamenti compiuti dalla scientifica e dal medico legale sarebbero emerse diverse escoriazioni sul corpo dell’uomo ma nessuna ferita da armi da fuoco o da taglio. Non si esclude che il decesso possa essere stato provocato da un trauma cranico. Il pm di turno, recatosi sul posto, ha disposto l’autopsia che si svolgerà nella giornata di oggi. Le indagini non escludono al momento alcuna pista e allo scopo di venire a capo del giallo sono state acquisite dagli inquirenti anche le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza dalla zona. Stupore e sconcerto ha suscitato la notizia anche a San Nicola da Crissa, centro di origine della vittima da tutti conosciuta come persona stimata e infaticabile lavoratore.       

Informazione pubblicitaria