Business marijuana sempre più fiorente, nuova piantagione individuata nel Vibonese

In un’impervia località di Fabrizia le piantine venivano irrigate con un moderno impianto a goccia. I carabinieri le hanno scovate e distrutte  

In un’impervia località di Fabrizia le piantine venivano irrigate con un moderno impianto a goccia. I carabinieri le hanno scovate e distrutte  

Informazione pubblicitaria

I carabinieri di Fabrizia, unitamente ai militari dello Squadrone eliportato Carabinieri Cacciatori “Calabria” di Vibo, hanno rinvenuto in località Cellia, una piantagione di circa 40 piante di cannabis indica. Continuano, dunque, i serrati controlli posti in essere dai militari della Compagnia di Serra San Bruno impegnati, in questo periodo dell’anno, per la repressione del sempre più fiorente business della marijuana e del reato di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti. Anche in questo caso, i militari hanno individuato in una zona particolarmente impervia l’illecita coltivazione in pieno stato vegetativo e dell’altezza media di 2 metri. Ovviamente, anche in questo caso, la piantagione era stata ben occultata nella fitta vegetazione ed era alimentata con l’emissione continua di acqua grazie ad un impianto all’avanguardia della tipologia “a goccia”. La coltivazione di canapa avrebbe avuto un valore potenziale sul mercato, una volta ultimato il ciclo di produzione,  di circa 20.000 euro. Tutte le piante, su disposizione dell’autorità giudiziaria di Vibo Valentia, sono state distrutte previo campionamento.