Mileto, rampa per disabili inaccessibile… ai disabili

Marciapiedi realizzati con superficialità che si trasformano in nuove barriere architettoniche. La brutta esperienza di Francesco Contartese in occasione della gara podistica “La Normanna” e l’appello alle istituzioni

Marciapiedi realizzati con superficialità che si trasformano in nuove barriere architettoniche. La brutta esperienza di Francesco Contartese in occasione della gara podistica “La Normanna” e l’appello alle istituzioni

Informazione pubblicitaria
Uno dei marciapiedi della piazza di Mileto

Ha assunto i contorni del danno sommato alla beffa, quanto accaduto in occasione della corsa podistica internazionale “La Normanna” svoltasi nei giorni scorsi a Mileto. Francesco Contartese è un giovane con gravi disabilità di Vibo Marina, appassionato della disciplina. Su invito del patron della manifestazione Salvatore Auddino si è recato ben volentieri nella cittadina normanna per assistere alle performances dei vari campioni, presentatisi anche in questa edizione ai nastri di partenza. All’arrivo in piazza Pio XII, luogo di ritrovo, partenza e arrivo della corsa, l’amara sorpresa: le due rampe di accesso realizzate per permettere, a chi come lui è costretto a muoversi in carrozzina, di accedere all’area urbana, paradossalmente non erano a misura di disabile. Nel senso che tra la strada e il piano soprastante c’è uno sbalzo di numerosi centimetri che ne rende impossibile l’utilizzo.

contartese francescoGrande la costernazione di Francesco (in foto), sommata a quel senso di frustrazione, impotenza e umiliazione che spesso attanaglia chi, già alle prese con malattie invalidanti e genetiche come la distrofia muscolare di duchenne, che da tempo lo obbliga a muoversi in carrozzina, all’uso permanente del ventilatore polmonare e a comunicare tramite computer, si ritrova inaspettatamente costretto a fare i conti anche con tali, amare sorprese, spesso dovute alla leggerezza e all’insensibilità delle istituzioni. 

Il 36enne di Vibo Marina, rimasto bloccato a bordo strada, è riuscito ad accedere alla piazza soprastante solo grazie al buon cuore di alcuni presenti, che lo hanno alzato di peso con la sua carrozzina di oltre 100 chili. Oggi rimangono l’amarezza e il desiderio che episodi del genere non si ripetano più. Anche perché basta poco per far sì che questo non accada. Da qui la richiesta al Comune di Mileto, tramite Il Vibonese, affinché si adoperi insieme agli altri enti territoriali, in cui persistono analoghe situazioni, ad abbattere le barriere architettoniche e a rendere le rampe d’accesso ai disabili… finalmente a misura di disabile.

LEGGI ANCHEMileto, “La Normanna” incorona la promessa Idam e la veterana De Leo – Video