Vibo e Vibo Marina, “rivoluzione” in vista per il traffico merci in centro

Dalla creazione di Ztl alle piazzole di sosta, dai veicoli elettrici alla videosorveglianza: ecco cosa prevede il progetto “City log” che ha permesso al Comune di ottenere un finanziamento da 1,5 milioni di euro

Dalla creazione di Ztl alle piazzole di sosta, dai veicoli elettrici alla videosorveglianza: ecco cosa prevede il progetto “City log” che ha permesso al Comune di ottenere un finanziamento da 1,5 milioni di euro

Informazione pubblicitaria

Una volta realizzato, dovrebbe cambiare radicalmente il concetto di mobilità urbana legata al trasporto merci. È il progetto City log, grazie al quale il Comune di Vibo Valentia si è classificato al primo posto in un bando regionale, seguito da Rende e Reggio Calabria, ottenendo un finanziamento di 1,5 milioni di euro. L’idea alla base di City log – che il 26 agosto arriverà in consiglio per l’approvazione dello schema di convenzione con la Regione – è quella di decongestionare il centro urbano del capoluogo ed anche quello di Vibo Marina dal traffico di mezzi pesanti e di corrieri, regolamentando il loro ingresso nelle Ztl attraverso l’utilizzo di veicoli ecocompatibili attivi h24 che sarebbero i soli a poter circolare liberamente nelle aree che l’ente individuerà. È un progetto ambizioso, portato avanti nella scorsa consiliatura dall’allora assessore Lorenzo Lombardo col supporto tecnico del comandante della Municipale Filippo Nesci

Tra gli aspetti che hanno fatto acquisire un punteggio tale da farlo arrivare primo, c’è sicuramente il fatto che City log si propone di affrontare la logistica urbana delle merci ponendo in primo piano il rispetto dell’ambiente, contribuendo a ridurre le quantità di CO2 immesse in atmosfera. Tra gli obiettivi, anche la riduzione degli incidenti, la decongestione del traffico e la riduzione dell’inquinamento acustico

Per realizzare City log è prevista la costituzione di Zone a traffico limitato, come detto, nel centro storico di Vibo e Vibo Marina, con la creazione di tre Nearby delivery area (Nda) in aree di proprietà comunale, in sostanza tre grandi piazze infrastrutturate per accogliere i mezzi commerciali leggeri e pesanti e dotate di parco mezzi elettrici con ricarica fotovoltaica ecosostenibile. Nel finanziamento è previsto l’acquisto di 18 mezzi elettrici ed ecocompatibili a metano, distribuiti nelle tre Nda: due a Vibo, una a Sud in località “Ottocannali” e una a Nord su viale della Pace; e l’altra a Vibo Marina, nei pressi del deposito Agip di viale delle Industrie. L’intera area di intervento – in cui verranno realizzate 36 nuove piazzole di fermata – sarà composta da 20 accessi a Vibo e 7 a Vibo Marina, tutti regolamentati in base alla tipologia di veicolo e agli orari consentiti. L’intento è di facilitare e ottimizzare l’efficientamento della logistica e del carico e scarico delle merci, incrementando il numero delle consegne giornaliere e diminuendo i tempi di carico e scarico. In pratica i veicoli commerciali arriveranno in queste piazzole per lasciare i loro mezzi (se inquinanti) e caricare tutto su quelli in dotazione alle Nda. 

Altro importante aspetto che valorizza il progetto è la realizzazione di un impianto di videosorveglianza con l’installazione di 49 telecamere nell’area di City log con l’utilizzo di tecnologie informatiche per la gestione e il controllo del traffico, senza contare l’acquisto di veicoli comunali a trazione elettrica e a pedalata assistita. La tanto attesa videosorveglianza avrà quindi finalità di sicurezza e controllo per i cittadini e per le attività produttive presenti. Ora bisognerà vedere come verrà accolto dagli utenti maggiormente interessati, ovvero gli autotrasportatori e le aziende di spedizioni.

LEGGI ANCHEAree d’interscambio e Ztl per le merci, così Vibo punta ad alleggerire il traffico – Video