Fiamme nell’area archeologica di Vibo, a rischio i resti dell’antico tempio

Intervento dei vigili del fuoco per spegnere l’incendio che ha sfiorato anche la struttura in legno posta a protezione delle rovine 

Intervento dei vigili del fuoco per spegnere l’incendio che ha sfiorato anche la struttura in legno posta a protezione delle rovine 

Informazione pubblicitaria

Un incendio appiccato da ignoti ha minacciato nella tarda serata di ieri le rovine del parco archeologico del Cofino a Vibo Valentia. Il rogo, poi spento, è arrivato a pochi metri dalla struttura in legno con la copertura di un telone posta a protezione della base dei resti del tempio di età greca che rappresenta uno dei simboli della città di Vibo. Ad alimentare le fiamme sviluppatesi su un vasto fronte la vegetazione che, a causa delle elevate temperature estive, si è ormai essiccata. Scattato l’allarme, lanciato dall’archeologa Mariangela Preta, sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno potuto accedere all’interno dell’area per provvedere allo spegnimento, attività protrattasi per alcune ore.

Lo scorso 13 di agosto un analogo tentativo di incendio si era verificato nell’area del parco archeologico di Cofino e le associazioni culturali del territorio avevano sottolineato la necessità di mettere in sicurezza il sito che racchiude un patrimonio archeologico millenario.