Rifugio divorato dalle fiamme ad Arena: l’incendio è doloso

Il provvidenziale intervento dei Vigili del fuoco del distaccamento di Serra San Bruno ha impedito che l’incendio si propagasse. Il capanno di proprietà del Comune, gestito dal Consorzio di bonifica: danno alla collettività

Il provvidenziale intervento dei Vigili del fuoco del distaccamento di Serra San Bruno ha impedito che l’incendio si propagasse. Il capanno di proprietà del Comune, gestito dal Consorzio di bonifica: danno alla collettività

Informazione pubblicitaria
Il capanno distrutto dalle fiamme

Personale dei Vigili del fuoco del distaccamento di Serra San Bruno è intervenuto, nella mattinata di ieri, in località “Pitaro” di Arena per domare un incendio che ha interessato un capanno di circa 30 metri quadri, di proprietà del Comune e gestito dal Consorzio di bonifica, adibito a rifugio.

L’incendio, originatosi intorno alle 8, è stato notato da alcuni passanti che hanno poi allertato i Vigili del fuoco. Gli uomini sul posto, diretti dal capo partenza Onofrio Stinà, sono riusciti ad estinguere il rogo impedendo che lo stesso si propagasse al limitrofo bosco. Il rifugio, tuttavia, è andato completamente distrutto.

Secondo le prime ricostruzioni, il rogo sarebbe di origine dolosa considerato che le fiamme sono partite dall’interno e che la porta d’ingresso è sempre aperta a chi ne vuole usufruire. Il gesto, dunque, costituisce di fatto un danno all’intera collettività. Sul caso inda i carabinieri della Stazione di Arena, gli ordini del maresciallo Carmine Napolitano.