Vende uno smartphone ma invia un limone, denunciato un vibonese

Autore del singolare raggiro un quarantunenne di Limbadi già noto alle forze dell’ordine

Autore del singolare raggiro un quarantunenne di Limbadi già noto alle forze dell’ordine

Informazione pubblicitaria

Si aspettava di ricevere via corriere uno smartphone acquistato on line per 300 euro sul sito subito.it. Ma dopo aver pagato in contrassegno la merce una studentessa di Bergamo, da qualche giorno in vacanza in Sardegna, si è resa conto di aver ricevuto soltanto un limone, posizionato nella scatola appena recapitatole e imballato con vecchi fogli di giornale.

La ragazza, poco più che ventenne, che aveva optato per il pagamento in contrassegno visto che non aveva portato con sé in vacanza la carta di credito, si è subito rivolta ai carabinieri della stazione di Stintino (Sassari), che hanno rintracciato il corriere prima che versasse il denaro sul conto del truffatore, un calabrese di 41 anni di Limbadi, E. R., già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo è stato denunciato. Il denaro è stato recuperato e sarà restituito alla ragazza.