Usura, Vibo Valentia tra le province più esposte

L’Eurispes fotografa la diffusione del fenomeno ponendo il vibonese al quinto posto in Italia. Crotone è la seconda, l’“insospettabile” Parma prima

L’Eurispes fotografa la diffusione del fenomeno ponendo il vibonese al quinto posto in Italia. Crotone è la seconda, l’“insospettabile” Parma prima

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il business annuo è di quasi 82 miliardi di euro; le vittime presunte sono tre milioni di famiglie e un’azienda su dieci nei settori dell’agricoltura, del commercio e dei servizi. E i carnefici non sono solo le organizzazioni criminali, mafia in testa, ma anche una serie di “insospettabili” che hanno approfittato della crisi per arricchirsi a scapito di chi è finito con l’acqua alla gola.

Informazione pubblicitaria

E’ il fenomeno dell’usura, secondo le stime dell’Eurispes che, incrociando una serie di dati, segnala che se le regioni a maggior rischio restano quelle del Sud e le Isole, il pericolo si sta estendendo in maniera significativa anche al Centro Italia e la provincia più esposta in assoluto è Parma, seguita da Crotone, Siracusa, Foggia, Trapani, Vibo Valentia e Palermo. Non è immune nemmeno il Nord visto che nella fascia di rischio medio alta ci sono anche Aosta e Biella.

Nasce lo sportello antiracket e antiusura

«Le organizzazioni criminali – spiega Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes – hanno ben compreso che l’usura rappresenta un metodo di straordinaria efficacia: da un lato per riciclare denaro sporco e ottenere facilmente ingenti guadagni, dall’altro per impossessarsi di quelle imprese e attività che non sono in grado di far fronte ai debiti contratti. Tutto questo con rischi più contenuti rispetto a quelli connessi ad altre attività illecite come ad esempio il traffico di stupefacenti».

«Oggi – osserva ancora Fara – sappiamo che la figura dell’usuraio non è rintracciabile solo tra criminali e mafiosi, ma è presente anche tra gli ‘insospettabili’: negozianti, commercialisti, avvocati, dipendenti pubblici, che hanno sfruttato il lungo periodo di crisi economica e l’indebitamento di famiglie, commercianti ed imprenditori per arricchirsi, forti delle crescenti difficoltà di accesso al credito bancario. Ed è nata una nuova figura: quella dell’usuraio della stanza accanto».