Centro studi antimafia, Musella querela Sergi

La presidente di Riferimenti ha reso noto di voler procedere contro l’ex sindaco di Limbadi che ha definito «pretestuose» le sue richieste.

La presidente di Riferimenti ha reso noto di voler procedere contro l’ex sindaco di Limbadi che ha definito «pretestuose» le sue richieste.

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La presidente del Coordinamento antimafia Riferimenti, Adriana Musella, ha comunicato di voler procedere a denuncia-querela nei confronti di Pantaleone Sergi, già corrispondente di Repubblica, in merito alle dichiarazioni dallo stesso rilasciate oggi alla Gazzetta del Sud, e aventi come oggetto il Centro studi antimafia di Limbadi e la sua organizzazione.

Informazione pubblicitaria

Musella dichiara di «non voler perdere il proprio tempo a rispondere a Sergi, che non riconosce come proprio interlocutore sulla questione, ma di adire direttamente alle vie legali come la situazione merita». Dichiara inoltre che «la richiesta indirizzata per conoscenza alla stampa vibonese sulle attrezzature di Limbadi è la stessa che il prefetto di Vibo Valentia, dopo aver ricevuto, ha inoltrato al responsabile del Pon sicurezza che ha rilevato dovesse essere inviata anche al Comune di Limbadi, cosa che è stata fatta».

Il riferimento è alla questione delle risorse economiche da destinare all’acquisto delle attrezzature del Centro studi e alla diversità di vedute sulla questione tra il Comune di Limbadi e la coordinatrice di Riferimenti. A Sergi vengono invece contestate da Musella le affermazioni odierne nelle quali, tra le altre cose, l’ex sindaco di Limbadi ha parlato di «richieste pretestuose» da parte della Musella e di come la sua associazione vorrebbe «scappare da Limbadi e da un’antimafia concreta».